24 Ore di Le Mans 1997

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow.pngVoce principale: 24 Ore di Le Mans.

24 Ore di Le Mans 1997
Edizione n. 65 del 24 Ore di Le Mans
Dati generali
Inizio 14 giugno
Termine 15 giugno
Titoli in palio
Vittoria assoluta Italia Michele Alboreto
Svezia Stefan Johansson
Danimarca Tom Kristensen
su TWR-Porsche WSC-95
Classe GT1 Francia Jean-Marc Gounon
Francia Pierre-Henri Raphanel
Svezia Anders Olofsson
su McLaren F1 GTR
Classe GT2 Belgio Michel Neugarten
Francia Guy Martinolle
Francia Jean-Claude Lagniez
su Porsche 911 GT2
Altre edizioni
Precedente - Successiva
Edizione in corso
La TWR-Porsche WSC-95 #7 vincitrice della corsa
L'unica Nissan R390 GT1 giunta al traguardo, la #23

La 24 Ore di Le Mans 1997 è stata la 65a maratona automobilistica svoltasi sul Circuit de la Sarthe di Le Mans, in Francia, il 14 e il 15 giugno 1997. Hanno gareggiato assieme tre classi di automobili da competizione, ognuna delle quali ha avuto il suo vincitore. Le vetture, appartenenti alle classi LMP, erano sport prototipo di categoria Le Mans Prototype appositamente progettati e costruiti per le gare, mentre le classi GT1 e GT2 comprendevano vetture derivate da automobili GT stradali.

Contesto[modifica | modifica wikitesto]

In questa edizione una folta schiera di vetture GT1 contendono ad un numero ridotto di prototipi LMP la vittoria della corsa, questo confronto è reso possibile dalle norme tecniche in vigore: esse consentono alle GT1 potenze di oltre 600 CV, un peso minimo di 950 kg e un serbatoio carburante da 100 litri; i prototipi invece dispongono di potenze di circa 550 CV, il peso minimo è di 850 kg e il serbatoio della benzina ha una capienza di 80 litri. Nella classe prototipi la vettura più competitiva è senza dubbio la TWR-Porsche WSC-95, già vincitrice nell'edizione del 1996, oltre ad essa vi sono due Ferrari 333 SP e varie Courage C36 e C41. Nella classe GT1, le vetture più competitive sono: le Porsche 911 GT1, le Nissan R390 GT1 e le McLaren F1 GTR. La squadra ufficiale Porsche AG, schiera 2 vetture evoluzione (denominate 996 GT1 Evo), con diversa carrozzeria e migliorie alla veste aerodinamica, dispongono inoltre di un motore più potente rispetto allo step impiegato nel Campionato FIA GT, perché il regolamento ACO concede loro flange di dimensioni meno penalizzanti. La McLaren supportata dalla BMW Motorsport, ha introdotto invece una nuova versione a coda lunga della sua F1 GTR, con nuovi elementi aerodinamici e alleggerita. Mentre Porsche e McLaren dispongono di vetture collaudate essendo presenti dalle edizioni precedenti, la Nissan invece, dopo alcuni anni, ritorna a Le Mans in veste ufficiale gareggiando con una vettura GT1 espressamente realizzata dalla TWR per puntare alla vittoria.

Il Team Joest ottine la pole position con la sua TWR-Porsche WSC-95 guidata da Michele Alboreto, sopravanzando le migliori vetture GT1.

Gara[modifica | modifica wikitesto]

Dopo l'avvio della corsa le due Porsche GT1 ufficiali vanno in testa incalzate nelle prime fasi dalla TWR-Porsche; dopo poco più di un'ora la Ferrari 333 Sp #4 resta in pista senza benzina, dopo 2 ore e mezza la McLaren #42 ufficiale del team BMW Motorsport perde 32 minuti ai box per una perdita di acqua dal motore. Le Nissan soffrono problemi di surriscaldamento al cambio e sono costrette a varie soste a i box per riparazioni, le due R390 GT1 guidate dagli equipaggi più veloci si ritirano entrambe poco dopo le 04:00 di mattina a distanza di pochi minuti, per rottura del cambio.
Poco prima delle 08:00 un incidente toglie di scena la vettura che era in testa alla corsa, che esce banalmente di pista alla Curva Arnage senza poter più ripartire: quello che in un primo momento è sembrato essere un grave errore dell'esperto Bob Wollek si scoprira - a distanza di anni - essere stato causato da un'avaria al differenziale della sua 911 GT1 #25 ufficiale[1]. JJ Lehto mentre è alla guida della McLaren F1 #42 compie un testa coda alla curva di Mulsanne e urta il muretto, nonostante rientri ai box la macchina non è riparabile. A quattro ore dal termine la Porsche 911 GT1 #26 guida la corsa con 2 giri di vantaggio sulla TWR-Porsche inseguitrice, seguita da tre McLaren F1.
Quando mancano poco più di 2 ore al termine della corsa, accade un colpo di scena, la Porsche 911 GT1 #26 guidata da Ralf Kelleners, che era in testa alla corsa da ormai 5 ore, si ferma improvvisamente sull'ultimo tratto dell'Hunaudières in prossimità del dosso di Mulsanne con il motore rotto, il pilota scende velocemente mentre la vettura prende fuoco. Pochi minuti più tardi anche la McLaren #39, che occupava la 4a posizione, si ferma quasi nello stesso punto dove ha preso fuoco la Porsche, per analoghi problemi tecnici. La TWR-Porsche dell'equipaggio Michele Alboreto, Stefan Johansson e Tom Kristensen, priva ormai di avversari che possono contrastarne la leadership, vince la corsa, al 2º e al 3º posto due McLaren F1 GTR, la prima del team GTC Motorsport e la seconda del team BMW Motorsport.

Classifica finale[modifica | modifica wikitesto]

I vincitori di classe sono scritti in grassetto e ombreggiati in giallo. Le vetture che non hanno coperto almeno il 70% della distanza coperta dal vincitore non vengono classificate.

Posizione Classe Squadra Piloti Vettura Pneumatici Giri
Motore
1 LMP 7 Germania Joest Racing Italia Michele Alboreto
Svezia Stefan Johansson
Danimarca Tom Kristensen
TWR-Porsche WSC-95 G 361
Porsche Type-935 3.0L Turbo Flat-6
2 GT1 41 Regno Unito Gulf Team Davidoff
Regno Unito GTC Racing
Francia Jean-Marc Gounon
Francia Pierre-Henri Raphanel
Svezia Anders Olofsson
McLaren F1 GTR M 360
BMW S70 6.0L V12
3 GT1 43 Germania Team BMW Motorsport
Germania BMW Team Schnitzer
Paesi Bassi Peter Kox
Italia Roberto Ravaglia
Francia Eric Hélary
McLaren F1 GTR M 358
BMW S70 6.0L V12
4 LMP 13 Francia Courage Compétition Francia Didier Cottaz
Francia Jérôme Policand
Belgio Marc Goossens
Courage C41 M 336
Porsche Type-935 3.0L Turbo Flat-6
5 GT1 33 Germania Schübel Engineering Portogallo Pedro Lamy
Germania Armin Hahne
Francia Patrice Goueslard
Porsche 911 GT1 M 331
Porsche 3.2L Turbo Flat-6
6 LMP 3 Italia Moretti Racing Inc. Italia Gianpiero Moretti
Belgio Didier Theys
Italia Max Papis
Ferrari 333 SP Y 321
Ferrari F310E 4.0L V12
7 LMP 8 Francia La Filière Elf Francia Henri Pescarolo
Francia Jean-Philippe Belloc
Francia Emmanuel Clerico
Courage C36 M 319
Porsche Type-935 3.0L Turbo Flat-6
8 GT1 27 Italia BMS Scuderia Italia Italia Pierluigi Martini
Italia Christian Pescatori
Brasile Antônio Hermann de Azevedo
Porsche 911 GT1 P 317
Porsche 3.2L Turbo Flat-6
9 GT2 78 Svizzera Elf Haberthur Racing Belgio Michel Neugarten
Francia Guy Martinolle
Francia Jean-Claude Lagniez
Porsche 911 GT2 D 307
Porsche 3.6L Turbo Flat-6
10 GT2 74 Germania Roock Racing Germania André Ahrle
Stati Uniti Andy Pilgrim
Svizzera Bruno Eichmann
Porsche 911 GT2 M 306
Porsche 3.6L Turbo Flat-6
11 GT2 73 Germania Roock Racing Portogallo Manuel Mello-Breyner
Portogallo Tomaz Mello-Breyner
Portogallo Pedro Mello-Breyner
Porsche 911 GT2 M 295
Porsche 3.6L Turbo Flat-6
12 GT1 23 Giappone Nissan Motorsport
Regno Unito TWR
Giappone Kazuyoshi Hoshino
Francia Érik Comas
Giappone Masahiko Kageyama
Nissan R390 GT1 B 294
Nissan VRH35L 3.5L Turbo V8
13 GT2 80 Svizzera GT Racing Team AG
Germania Roock Racing
Germania Claudia Hürtgen
Regno Unito John Robinson
Regno Unito Hugh Price
Porsche 911 GT2 P 280
Porsche 3.6L Turbo Flat-6
14 GT2 63 Francia Viper Team Oreca Regno Unito Justin Bell
Francia Pierre Yver
Stati Uniti John Morton
Chrysler Viper GTS-R M 278
Chrysler 8.0L V10
15 GT2 64 Regno Unito Chamberlain Engineering Paesi Bassi Hans Hugenholtz
Finlandia Jari Nurminen
Stati Uniti Chris Gleason
Chrysler Viper GTS-R G 269
Chrysler 8.0L V10
16 LMP 10 Francia Courage Compétition Svezia Fredrik Ekblom
Francia Jean-Louis Ricci
Belgio Jean-Paul Libert
Courage C36 M 265
Porsche Type-935 3.0L Turbo Flat-6
17 LMP 15 Stati Uniti Team T.D.R.
Giappone Mazdaspeed
Giappone Yojiro Terada
Stati Uniti Jim Downing
Francia Franck Fréon
Kudzu DLM-4 G 263
Mazda R26B 2.6L 4-Rotor
18
ABD
GT1 26 Germania Porsche AG Francia Emmanuel Collard
Germania Ralf Kelleners
Francia Yannick Dalmas
Porsche 911 GT1 G 327
Porsche 3.2L Turbo Flat-6
19
ABD
GT1 39 Regno Unito Gulf Team Davidoff
Regno Unito GTC Racing
Regno Unito Ray Bellm
Regno Unito Andrew Gilbert-Scott
Giappone Masanori Sekiya
McLaren F1 GTR M 326
BMW S70 6.0L V12
20
ABD
GT2 61 Francia Viper Team Oreca Francia Philippe Gache
Monaco Olivier Beretta
Francia Dominique Dupuy
Chrysler Viper GTS-R M 263
Chrysler 8.0L V10
21
ABD
GT1 25 Germania Porsche AG Germania Hans Joachim Stuck
Belgio Thierry Boutsen
Francia Bob Wollek
Porsche 911 GT1 G 238
Porsche 3.2L Turbo Flat-6
22
ABD
GT1 42 Germania Team BMW Motorsport
Germania BMW Team Schnitzer
Finlandia JJ Lehto
Regno Unito Steve Soper
Brasile Nelson Piquet
McLaren F1 GTR M 236
BMW S70 6.0L V12
23
ABD
GT1 29 Francia JB Racing Germania Jürgen von Gartzen
Francia Olivier Thévenin
Francia Alain Ferté
Porsche 911 GT1 M 236
Porsche 3.2L Turbo Flat-6
24
ABD
GT1 54 Regno Unito David Price Racing Regno Unito Andy Wallace
Regno Unito James Weaver
Stati Uniti Butch Leitzinger
Panoz Esperante GTR-1 G 236
Ford (Roush) 6.0L V8
25
ABD
GT1 30 Germania Kremer Racing Francia Christophe Bouchut
Stati Uniti Andy Evans
Belgio Bertrand Gachot
Porsche 911 GT1 G 207
Porsche 3.2L Turbo Flat-6
26
ABD
GT2 75 Francia Larbre Compétition Francia Patrick Bourdais
Stati Uniti Peter Kitchak
Brasile André Lara-Rezende
Porsche 911 GT2 M 205
Porsche 3.6L Turbo Flat-6
27
ABD
LMP 9 Francia Courage Compétition Stati Uniti Mario Andretti
Stati Uniti Michael Andretti
Francia Olivier Grouillard
Courage C36 M 197
Porsche Type-935 3.0L Turbo Flat-6
28
ABD
GT1 52 Francia DAMS Francia Franck Lagorce
Francia Éric Bernard
Francia Jean-Christophe Boullion
Panoz Esperante GTR-1 M 149
Ford (Roush) 6.0L V8
29
ABD
GT1 55 Regno Unito David Price Racing Australia David Brabham
Regno Unito Perry McCarthy
Stati Uniti Doc Bundy
Panoz Esperante GTR-1 G 145
Ford (Roush) 6.0L V8
30
ABD
GT1 21 Giappone Nissan Motorsport
Regno Unito TWR
Regno Unito Martin Brundle
Germania Jörg Müller
Sudafrica Wayne Taylor
Nissan R390 GT1 B 139
Nissan VRH35L 3.5L Turbo V8
31
ABD
GT1 28 Germania Konrad Motorsport Austria Franz Konrad
Italia Mauro Baldi
Regno Unito Robert Nearn
Porsche 911 GT1 P 138
Porsche 3.2L Turbo Flat-6
32
ABD
GT2 67 Stati Uniti Saleen-Allen Speedlab
Regno Unito Cirtek Racing
Stati Uniti Steve Saleen
Stati Uniti Price Cobb
Spagna Carlos Palau
Saleen Mustang RRR D 133
Ford 5.9L V8
33
ABD
GT2 79 Germania Konrad Motorsport Svizzera Toni Seiler
Stati Uniti Larry Schumacher
Francia Michel Ligonnet
Porsche 911 GT2 P 126
Porsche 3.2L Turbo Flat-6
34
ABD
GT1 22 Giappone Nissan Motorsport
Regno Unito TWR
Italia Riccardo Patrese
Belgio Eric van de Poele
Giappone Aguri Suzuki
Nissan R390 GT1 B 121
Nissan VRH35L 3.5L Turbo V8
35
ABD
GT1 49 Regno Unito GT1 Lotus Racing Paesi Bassi Jan Lammers
Paesi Bassi Mike Hezemans
Germania Alexander Grau
Lotus Elise GT1 M 121
Chevrolet LT5 6.0L V8
36
ABD
LMP 5 Germania Kremer Racing Spagna Tomas Saldaña
Svezia Carl Rosenblad
Germania Jürgen Lässig
Kremer K8 Spyder G 103
Porsche Type-935 3.0L Turbo Flat-6
37
ABD
GT2 84 Svizzera Stadler Motorsport Svizzera Enzo Calderari
Svizzera Lilian Bryner
Italia Angelo Zadra
Porsche 911 GT2 P 98
Porsche 3.6L Turbo Flat-6
38
ABD
GT1 44 Giappone Team Lark McLaren
Regno Unito Parabolica Motorsports
Giappone Akihiko Nakaya
Giappone Keiichi Tsuchiya
Regno Unito Gary Ayles
McLaren F1 GTR M 88
BMW S70 6.0L V12
39
ABD
GT2 77 Francia Chereau Sports
Francia Larbre Compétition
Francia Jean-Luc Chereau
Francia Jack Leconte
Francia Jean-Pierre Jarier
Porsche 911 GT2 M 77
Porsche 3.6L Turbo Flat-6
40
ABD
GT1 46 Regno Unito Newcastle United Lister Regno Unito Julian Bailey
Brasile Thomas Erdos
Australia Mark Skaife
Lister Storm GTL D 77
Jaguar 7.0L V12
41
ABD
GT2 62 Francia Viper Team Oreca Stati Uniti Tommy Archer
Francia Soheil Ayari
Belgio Marc Duez
Chrysler Viper GTS-R M 76
Chrysler 8.0L V10
42
ABD
GT2 60 Regno Unito Agusta Racing Team Ltd. Italia Almo Coppelli
Italia Ricardo Agusta
Francia Eric Graham
Callaway Corvette LM-GT D 45
Chevrolet LT1 6.2L V8
43
ABD
GT2 66 Stati Uniti Saleen-Allen Speedlab
Regno Unito Cirtek Racing
Regno Unito David Warnock
Regno Unito Rob Schirle
Regno Unito Allen Lloyd
Saleen Mustang RRR D 28
Ford 5.9L V8
44
ABD
GT1 45 Regno Unito Newcastle United Lister Regno Unito Geoff Lees
Regno Unito Tiff Needell
Sudafrica George Fouché
Lister Storm GTL D 21
Jaguar 7.0L V12
45
ABD
LMP 4 Francia Pilot Racing Francia Michel Ferté
Spagna Adrián Campos
Stati Uniti Charlie Nearburg
Ferrari 333 SP D 18
Ferrari F310E 4.0L V12
46
ABD
GT2 70 Paesi Bassi Marcos Racing International Paesi Bassi Cor Euser
Giappone Takaji Suzuki
Germania Harald Becker
Marcos Mantara LM600 D 15
Chevrolet 5.9L V8
47
ABD
GT1 32 Germania Roock Racing Francia Stéphane Ortelli
Regno Unito Allan McNish
Austria Karl Wendlinger
Porsche 911 GT1 M 8
Porsche 3.2L Turbo Flat-6
48
ABD
LMP 14 Regno Unito Pacific Racing Ltd. Finlandia Harri Toivonen
Cile Eliseo Salazar
Spagna Jesús Pareja
BRM P301 P 6
Nissan 3.0L Turbo V6
NP GT1 40 Regno Unito Gulf Team Davidoff
Regno Unito GTC Racing
Danimarca John Nielsen
Germania Thomas Bscher
Regno Unito Chris Goodwin
McLaren F1 GTR M -
BMW S70 6.0L V12

Leggenda:

  • ABD=Abbandono NP=Non partita

Giri in testa alla corsa[modifica | modifica wikitesto]

  • #25 Porsche 911 GT1 - Porsche AG : 181 (1-3 / 11-12 / 49 / 60-199 / 204-238)
  • #7 TWR Porsche WSC-95 - Joest Racing : 58 (4-7 / 15-22 / 27-35 / 328-361)
  • #43 McLaren F1 GTR - Team BMW Motorsport : 1 (13)
  • #22 Nissan R390 GT1 - Nissan Motorsport : 1 (14)
  • #42 McLaren F1 GTR - Team BMW Motorsport : 8 (23-26 / 37-40)
  • #26 Porsche 911 GT1 - Porsche AG : 112 (36 / 41-48 / 50-59 / 200-203 / 239-327)

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

  • Pole Position - Michele Alboreto su #7 TWR Porsche - Joest Racing - 3:41.581
  • Giro più veloce in gara - Tom Kristensen su #7 TWR Porsche - Joest Racing - 3:45.068 al giro n° 210
  • Distanza - 4.609,600 km
  • Velocità media - 204,186 km/h
  • Velocità massima - 326 km/h Porsche 911 GT1 (in prova) - 313 km/h Nissan R390 GT1 (in gara)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mario Donnini, cap. 31 - La leggenda di Bob Wollek in Le Mans. 24 Ore di corsa. 90 anni di storia., Vimodrone, Giorgio Nada Editore, 2013, p. 200, ISBN 978-88-7911-576-6.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]