24 Ore di Le Mans 1981

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow.pngVoce principale: 24 Ore di Le Mans.

24 Ore di Le Mans 1981
Edizione n. 49 del 24 Ore di Le Mans
Dati generali
Inizio 13 giugno
Termine 14 giugno
Valevole anche per il Campionato del Mondo Sport Prototipi
Titoli in palio
Assoluta Belgio Jacky Ickx
Regno Unito Derek Bell
su Porsche 936/81
(Gruppo 6 oltre 2 litri)
GTP
fino a 3 litri
Francia Jacky Haran
Francia Jean-Louis Schlesser
Francia Philippe Streiff
su Rondeau M379C
Gruppo 5
oltre 2 litri
Belgio Claude Bourgoignie
Regno Unito John Cooper
Regno Unito Dudley Wood
su Porsche 935 K3
IMSA GTX Francia Jean-Claude Andruet
Francia Claude Ballot-Léna
Belgio Hervé Regout
su Ferrari 512BB/LM
GTP
oltre 3 litri

IMSA GTO



Gruppo 4

Germania Jürgen Barth
Germania Walter Röhrl
su Porsche 944 LM
Liechtenstein Manfred Schurti
Regno Unito Andy Rouse
su Porsche 924 Carrera GTR
Francia Thierry Perrier
Francia Valentin Bertapelle
Francia Bernard Salam
su Porsche 934
Altre edizioni
Precedente - Successiva
Edizione in corso

La 24 Ore di Le Mans 1981 è stata il 49o Grand Prix d'Endurance e si è disputata il 13 e 14 giugno 1981 sul Circuit de la Sarthe. È stata l'ottava gara valevole per il Campionato Mondiale Marche del 1981. Vi hanno partecipato vetture Sport Prototipo, suddivise tra le classi Gruppo 6 (fino a 2 litri e oltre 2 litri), IMSA GTP, Le Mans GTP (fino a 3 litri e oltre 3 litri) e il neoistituito Gruppo C, e vetture Gran Turismo, suddivise nelle classi Gruppo 5 (fino a 2 litri e oltre 2 litri), IMSA GTX, Gran Turismo/Gruppo 4, IMSA GTO e IMSA GTU[1].

Contesto[modifica | modifica sorgente]

Cambiamenti significativi nel regolamento tecnico e sportivo di quest'anno: la cilindrata delle vettura di Gruppo 6 non è più limitata a 3000 cm³ ed è consentito sostituire il motore fino a prima dell'inizio della gara. Tali modifiche spingono la Porsche a schierarsi ufficialmente a Le Mans dopo tre sconfitte consecutive, allo scopo di testare in gara il nuovo motore destinato alla vettura di Gruppo C che a Stoccarda stanno progettando per il 1982, quando questa categoria e il Gruppo B saranno le uniche autorizzate a competere per il titolo mondiale. Per ottenere la vittoria i tedeschi convincono Jacky Ickx a ritornare in pista dopo il ritiro annunciato l'anno precedente e lo mettono alla guida della Porsche 936/81, spinta dal motore 6 cilindri boxer da 2,65 litri che era stato progettato per il Campionato CART, ma che non era stato impiegato in gara perché un repentino cambio di regolamenti lo aveva reso non abbastanza competitivo[2], accoppiato a un cambio a 4 rapporti derivato da quello della Porsche 917/30, in luogo di quello a 5 rapporti dimostratosi troppo cedevole[3][4]. Il copilota di Ickx era Derek Bell, mentre Jochen Mass, Vern Schuppan e Hurley Haywood pilotavano l'altra 936/81.

Un'altra vettura prototipo di Gruppo 6 che sfruttava la liberalizzazione della cilindrata era Porsche 917K/81. I fratelli Kremer, esperti preparatori tedeschi di vetture da corsa, costruirono a partire da una vecchia vettura e i progetti forniti loro dalla stessa Porsche la loro versione della Porsche 917, a cui apportarono modifiche al telaio (rinforzandolo mediante tubi di diametro maggiore), alla veste aerodinamica e vi montarono il robusto cambio a soli 4 rapporti della 917/30[5]. I ricordi delle prestazioni e dei risultati ottenuti dieci anni prima dalla vettura da cui derivava erano ancora vivi e veniva data tra le favorite. La vettura venne schierata in gruppo 6 grazie ad un escamotage: venne ricavata un'apertura sul tetto, come richiesto dal regolamento per poter essere considerata una barchetta.

La Rondeau M379 C di Henri Pescarolo e Patrick Tambay, al Musee de l'Automobile di Le Mans

Anche la squadra di Jean Rondeau, dopo la vittoria assoluta ottenuta l'anno prima, approfitta del regolamento e installa su due delle sue cinque Rondeau M379C (quelle di Pescarolo/Tambay e di Rondeau/Jaussaud) il nuovo motore Ford Cosworth DFL da 3,3 litri, derivato dal classico Ford Cosworth DFV mediante l'aumento della corsa e dell'alesaggio dei pistoni e ottimizzato per le gare di durata. La nuova versione C della vettura francese, iscritta nella classe "Sport" anziché nella "IMSA-GTP 3000", gode di migliorie aerodinamiche ed è ottimizzata per ridurre i tempi di intervento ai box[6].

Il team Joest Racing si presenta a Le Mans con la sua Porsche 908/80 che ha ottenuto il secondo posto l'anno precedente alle spalle della Rondeau, con al volante lo stesso Reinhold Joest, assistito dallo statunitense Dale Whittington e dal tedesco Klaus Niedzwiedz.

La Porsche 944 LM

Iscritte nel nuovo Gruppo C solo le Welter-Meunier P81 di Boutsen/Pignard/Saulnier e Mamers/Raulet/Pignard spinte da motori Peugeot 2,7 litri turbo da circa 500 CV[6], mentre le altre tre vetture della squadra francese (le P79/80) erano iscritte in classe Le Mans GTP oltre 3 litri e avevano per avversaria di classe solo la Porsche 944 LM ufficiale, prototipo della vettura di serie che i tedeschi portavano in gara per pubblicizzarla prima del lancio sul mercato[7].

Tra gli altri prototipi si segnalano le due Lola T600, quella ufficiale motorizzata Ford Cosworth DFL e quella del Cooke-Woods Racing motorizzata Porsche turbo, la De Cadenet-Lola LM motorizzata Cosworth DFV di Alain de Cadenet e dei fratelli Jean-Michel e Philippe Martin e la ACR 80B del team André Chevalley Racing, anch'essa motorizzata Cosworth DFV.

La Kremer-Porsche 935 K3/81

Le Gran Turismo più prestazionali, quelle delle classi Gruppo 5 e IMSA GTX, sono rappresentate dalle Porsche 935 schierate in varie versioni dai team privati: le 935 K3/81 del Kremer Racing e le 935 K3 dei loro clienti, le 935J del Joest Racing e della sua emanazione Vegla Racing Team. Ad opporsi alle regine incontrastate della categoria ci sono cinque Ferrari 512 BB LM schierate da squadre private (tra cui NART e Charles Pozzi) e le BMW M1 Gr.5, tra cui quelle elaborate dalla Sauber di Quester/Surer/Deacone e di Stuck/Jarier/Henzler e quella della EMKA Productions Limited affidata a David Hobbs, Eddie Jordan e Steve O'Rourke.

Nel Gruppo 5 fino a 2 litri, le quattro Lancia Beta Montecarlo Turbo monopolizzano l'attenzione: tre vetture ufficiali affiancate da quella del Jolly Club che si confrontavano solo con il team Lundgardh e la sua Porsche 935 L1 con motore 6 cilindri boxer di soli 1,4 litri ispirata alla 935/77 "Baby".

Tra gli iscritti anche l'esperto Cale Yarborough, leggenda della NASCAR, che così diventa uno dei pochi piloti ad aver corso la 500 miglia di Daytona, la 500 miglia di Indianapolis e la 24 Ore di Le Mans.

Qualifiche[modifica | modifica sorgente]

Supremazia Porsche: Ickx segna subito la pole position in 3:29,440, mentre alle sue spalle Mass qualifica la vettura gemella, seguito dalla 908/80 di Joest, dalle Rondeau di Pescarolo e Jaussaud, dalla Porsche 935 K3/81 del team Kremer e dalla 935J del Vegla Racing Team. Completano la top ten le WM-Peugeot di Saulnier/Pignard/Boutsen e Fréquelin/Dorchy e la Rondeau di Ragotti/Lafosse. Subito problemi per la 917 K81, che nelle prime prove non riesce a superare i 290 km/h sull'Hunaudières, costringendo il team Kremer a sostituire il motore 4,5 litri con la versione da 4,9 per recuperare competitività: alla fine delle prove 18o posto per Wollek in 3:46,540[6]. Le due BMW M1 Gr.5 allestite dalla Sauber si piazzano al 21o e 22o posto, la prima delle Lancia (quella di Patrese/Heyer/Ghinzani) è 24a, la migliore Ferrari BB è 29a, mentre la Porsche 944 LM ufficiale si piazza solo al 43o posto in griglia, penalizzata dalla sua stretta parentela col modello di serie.

Il totale dei partenti è di 55 vetture: non riescono a qualificarsi la Lola T600-Porsche, la seconda Porsche 924 Carrera GTR ufficiale e quella della filiale australiana della Casa tedesca e la McLaren M12GT motorizzata Chevrolet, l'unica vettura iscritta nella classe IMSA GTP[8].

Gara[modifica | modifica sorgente]

La gara parte alle 15.00 sotto un sole cocente e subito Ickx prende il comando, seguito dalla Rondeau di Pescarolo, dalla 935K3 di Whittington, dalla 908/80 di Joest, che all'inizio del terzo giro acciuffa anche il secondo posto, dalla WM di Boutsen, dalle Rondeau di Jaussaud e Lafosse e dalla ACR 80B, mentre la 917K81 pilotata da Bob Wollek naviga intorno al decimo posto[9]. Nel frattempo l'altra Porsche 936/81 di Mass è costretta a una doppia sosta ai box al termine del primo e del terzo giro a causa di una candela difettosa: sostituitala, il tedesco riparte dal fondo della classifica alla stessa velocità del belga. Ma l'alfiere della Casa di Stoccarda non è l'unico ad aver problemi di affidabilità, in quanto si fermano ai box per riparazioni anche la Lola T600-Cosworth per colpa del cambio, la WM di Boutsen per problemi elettrici e Jean Rondeau per sostituire la pompa dell'acqua: la sosta di 1 ora e 20 minuti castra le sue ambizioni di ripetere il successo del 1980[6].

Alla fine della prima ora, nel bel mezzo della giostra dei rifornimenti, la 908/80 guida la gara, seguita da un trio di Rondeau: Pescarolo, Lafosse e Migault[9]. Le veloci Porsche 936/81 si rivelano le più assetate, con la prima sosta dopo soli 45', mentre le Rondeau M379C riescono a restare in pista un'altra mezz'ora con lo stesso carburante[4]. Dopo meno di un quarto d'ora la WM di Boutsen sbatte in pieno rettilineo dell'Hunaudières a una velocità di oltre 350 km/h[9][10] a causa della rottura di una sospensione, distruggendo la vettura: pilota illeso, un commissario di pista ucciso e due feriti, pace car per la prima volta in pista nella storia della 24 Ore, che rientra dopo circa mezz'ora[6][10].

La gara riparte e dopo circa un'altra mezz'ora avviene l'incidente fatale a Jean-Louis Lafosse: viaggiando al settimo posto alle spalle della Lola T600-Cosworth di Guy Edwards, la sua Rondeau sbanda verso il guard rail mentre corre a oltre 250 km/h sull'Hunaudières[11]. La causa dell'incidente, mai del tutto chiarita, viene attribuita a un cedimento della sospensione anteriore destra o del corrispondente pneumatico, probabilmente favorito da una precedente lieve uscita di pista[10].

Nel tardo pomeriggio la testa della gara è appannaggio della 935K3 dei fratelli Kremer, con la Porsche ufficiale di Derek Bell in rimonta[9], l'altra di Hurley Haywood che risale dal fondo della classifica fino alla top ten[4] e Pescarolo fermo ai box per riparare la pompa della benzina[6]. Verso le 18:30 la Porsche n°11 è di nuovo in testa seguita dalla Rondeau di Gordon Spice mentre cominciano i ritiri: la WM di Dorchy e la 935K3 dei Kremer col motore rotto, la WM di Max Mamers coinvolta in un incidente che fa uscire la pace car per 25' e la 908/80 senza pezzi di ricambio per la sospensione rotta[6]. Problemi meccanici anche per la 917K81 che un esasperato Bob Wollek abbandona nelle mani dei compagni d'equipaggio Lapeyre e Chasseuil in ventesima posizione[6].

Alle 21:00 Ickx/Bell comandano la classifica con quattro giri di vantaggio sulla Rondeau di Migault/Spice, sui compagni di squadra Mass/Schuppan/Haywood, che poco dopo acciufferanno il secondo posto, e sulla Ferrari 512 BB/LM del NART e cinque giri sulla 935K3 di Bourgoignie/Cooper/Wood, sulla De Cadenet-Lola LM di Alan De Cadenet e i fratelli Martin sulle due 935J del Vegla Racing Team e del Joest Racing e sulla Ferrari 512 BB/LM di Andruet/Ballot-Lena/Regout, mentre la WM-Peugeot 79/80 di Morin/Mendez/Mathiot è decima a sei giri[6]. A questo punto della gara quasi tutti gli avversari delle Porsche ufficiali sono fuori combattimento, le M379C di Jaussaud/Rondeau e Pescarolo/Tambay sono 38a e 40a alle prese con problemi alla pompa del carburante e la 917K81 naviga in 25a posizione: nulla sembra impensierire le vetture tedesche, che viaggiano spedite e regolari[6].

Prima della mezzanotte le due M379C si ritirano, mentre la M379 di classe GTP pilotata da Haran/Schlesser/Streiff risale fino al quarto posto, superando la Ferrari 512 BB/LM gestita da Charles Pozzi[6]. La notte trascorre senza grossi sussulti fino all'alba, quando Schuppan porta la sua 936/81 ai box per sostituire la frizione, precipitando in 12a posizione, per poi risalire in quarta nel giro di poche ore[4] alle spalle di Migault/Spice, che haano ceduto la seconda posizione a causa di un calo di potenza[6].

Ma la gara della Porsche n°12 continua ad essere movimentata: un problema all'iniezione a pochi chilometri dai box, all'altezza delle Curve Porsche, fa sì che il motore vada solo al minimo. il pilota impiega 45 minuti per riportarla ai box e qui sono necessari altri 40 minuti per sostituire la pompa dell'iniezione[4]: la vettura arriverà 12a al traguardo con 42 giri di ritardo dai vincitori. Intanto ci sono problemi al cambio dalla vettura di testa[6]

Un'ora e mezza prima del termine della gara, Bell rientra per sostituire una gomma posteriore bucata[4], ma alla fine sarà una vittoria indiscutibile per la loro Porsche 936/81. A parte le due forature e una preoccupazione per la 1a marcia, la loro è stata una gara piuttosto tranquilla[6]: l'unico incidente per i vincitori avvenne dopo la fine della gara. Infatti Derek Bell non attraversò mai il traguardo, venne estratto dall'auto dai fans e portato sul podio. Qui il pilota chiese dell'acqua per rinfrescarsi ma l'unica bevanda disponibile era lo champagne, Bell bevve quello fino a quando non perse conoscenza[4].

A completare il podio di questa gara le due Rondeau di Haran/Schlesser/Streiff e Migault/Spice, che conquistano i primi due posti della loro classe. Le vetture francesi, seppur non vincendo, confermano la buona prestazione dell'anno precedente e mandano in visibilio il pubblico[9]. Da notare anche il settimo posto della Porsche 944 LM ufficiale del duo tedesco Jürgen Barth/Walter Röhrl, che, a fronte di una potenza nettamente inferiore alla concorrenza, fa dell'affidabilità l'arma vincente[7][12].

Classifica finale[modifica | modifica sorgente]

Pos Classe Squadra Piloti Vettura Motore Gomme Giri
1 S
+2.0
11 Germania Porsche System Engineering Belgio Jacky Ickx
Regno Unito Derek Bell
Porsche 936/81 Porsche Type-935 2.6L Turbo Flat-6 D 354
2 GTP
3.0
8 Francia Jean Rondeau Francia Jacky Haran
Francia Jean-Louis Schlesser
Francia Philippe Streiff
Rondeau M379C Ford Cosworth DFV 3.0L V8 G 340
3 GTP
3.0
7 Francia Otis Jean Rondeau Regno Unito Gordon Spice
Francia François Migault
Rondeau M379C Ford Cosworth DFV 3.0L V8 G 335
4 Gr.5 55 Belgio Claude Bourgoignie
Regno Unito Charles Ivey Racing
Belgio Claude Bourgoignie
Regno Unito John Cooper
Regno Unito Dudley Wood
Porsche 935 K3 Porsche Type-935 3.1L Turbo Flat-6 D 330
5 IMSA
GTX
47 Francia Charles Pozzi S.A. Francia Jean-Claude Andruet
Francia Claude Ballot-Léna
Belgio Hervé Regout
Ferrari 512BB/LM Ferrari 4.9L Flat-12 M 328
6 IMSA
GTX
42 Stati Uniti Cooke-Woods Racing Francia Anne-Charlotte Verney
Stati Uniti Bob Garretson
Stati Uniti Ralph Kent-Cooke
Porsche 935 K3 Porsche Type-935 3.2L Turbo Flat-6 G 327
7 GTP
+3.0
1 Germania Porsche System Engineering Germania Jürgen Barth
Germania Walter Röhrl
Porsche 944 LM Porsche 2.5L Turbo I4 D 323
8 Gr.5 65 Italia Martini Racing Italia Michele Alboreto
Stati Uniti Eddie Cheever
Italia Carlo Facetti
Lancia Beta Montecarlo Turbo Lancia 1.4L Turbo I4 P 322
9 IMSA
GTX
46 Belgio Rennod Racing Belgio Pierre Dieudonné
Belgio Jean Xhenceval
Belgio Jean-Paul Libert
Ferrari 512BB/LM Ferrari 4.9L Flat-12 G 320
10 Gr.5 60 Germania Vegla Racing Team Germania Dieter Schornstein
Germania Harald Grohs
Germania Götz von Tschirnhaus
Porsche 935J Porsche Type-935 3.0L Turbo Flat-6 D 320
11 IMSA
GTO
36 Germania Porsche System Engineering Liechtenstein Manfred Schurti
Regno Unito Andy Rouse
Porsche 924 Carrera GTR Porsche 2.0L Turbo I4 D 315
12 S
+2.0
12 Germania Porsche System Engineering Germania Jochen Mass
Australia Vern Schuppan
Stati Uniti Hurley Haywood
Porsche 936/81 Porsche Type-935 2.6L Turbo Flat-6 D 312
13 GTP
+3.0
4 Francia WM A.E.R.E.M. Francia Denis Moran
Stati Uniti Charles Mendez
Francia Xavier Mathiot
WM P79/80 Peugeot PRV 2.7L Turbo V6 M 307
14 Gr.5 68 Italia Jolly Club Italia Martino Finotto
Italia Giorgio Pianta
Italia Giorgio Schön
Lancia Beta Montecarlo Turbo Lancia 1.4L Turbo I4 P 292
15 S
+2.0
18 Regno Unito Team Lola Spagna Emilio de Villota
Regno Unito Guy Edwards
Spagna Juan Fernández
Lola T600 Ford Cosworth DFL 3.3L V8 G 287
16 Gr.5 51 Italia BMW Italia
Francia BMW France
Francia Philippe Alliot
Francia Bernard Darniche
Venezuela Johnny Cecotto
BMW M1 Gr.5 BMW M88 3.5L I6 D 277
17 GT 70 Francia Thierry Perrier Francia Thierry Perrier
Francia Valentin Bertapelle
Francia Bernard Salam
Porsche 934 Porsche 2.9L Turbo Flat-6 M 274
18 S
2.0
31 Francia Jean-Philippe Grand Francia Jean-Philippe Grand
Francia Yves Courage
Lola T298 BMW 2.0L I4 G 272

Non classificati[modifica | modifica sorgente]

Pos Classe Squadra Piloti Vettura Motore Gomme Giri
19
NC
S
2.0
33 Francia Compagnie Primagaz Francia Pierre Yver
Francia Michel Dubois
Francia Jacques Heuclin
Lola T298 BMW 2.0L I4 G 203
20
NC
S
2.0
32 Francia Écurie Renard-Delmas Francia Louis Descartes
Francia Hervé Bayard
Renard-Delmas D1 ROC-Simca 2.0L I4 G 187

Ritirati[modifica | modifica sorgente]

Pos Classe Squadra Piloti Vettura Motore Gomme Giri
21
DNF
IMSA
GTX
43 Stati Uniti Bob Akin Motor Racing Stati Uniti Bob Akin
Stati Uniti Paul Miller
Stati Uniti Craig Siebert
Porsche 935 K3 Porsche Type-935 3.0L Turbo Flat-6 G 320
22
DNF
Gr.5 57 Svizzera Claude Haldi
Regno Unito Charles Ivey Racing
Svizzera Claude Haldi
Regno Unito Mark Thatcher
Francia Hervé Poulain
Porsche 935 Porsche Type-935 3.0L Turbo Flat-6 D 260
23
DNF
IMSA
GTX
49 Stati Uniti NART Francia Alain Cudini
Francia Philippe Gurdjian
Stati Uniti John Morton
Ferrari 512BB/LM Ferrari 4.9L Flat-12 M 247
24
DNF
Gr.5 53 Regno Unito EMKA Productions Limited Regno Unito David Hobbs
Irlanda Eddie Jordan
Regno Unito Steve O'Rourke
BMW M1 Gr.5 BMW M88 3.5L I6 D 236
25
DNF
GT 72 Francia BMW Zol'Auto Francia Jean-François Rousselot
Francia François Sérvanin
Francia Laurent Ferrier
BMW M1 BMW M88 3.5L I6 D 212
26
DNF
S
+2.0
20 Regno Unito Alain de Cadenet
Belgio Belga
Regno Unito Alain de Cadenet
Belgio Jean-Michel Martin
Belgio Philippe Martin
De Cadenet-Lola LM Ford Cosworth DFV 3.0L V8 D 210
27
DNF
Gr.5 52 Svizzera Würth-Lubrifilm Team Sauber Austria Dieter Quester
Svizzera Marc Surer
Canada David Deacon
BMW M1 Gr.5 BMW M88 3.5L I6 D 207
28
DNF
Gr.5 66 Italia Martini Racing Italia Riccardo Patrese
Germania Hans Heyer
Italia Piercarlo Ghinzani
Lancia Beta Montecarlo Turbo Lancia 1.4L Turbo I4 P 186
29
DNF
S
+2.0
21 Regno Unito Alain de Cadenet
Regno Unito Dorset Racing Associates
Irlanda Martin Birrane
Regno Unito Nick Faure
Irlanda Vivian Candy
De Cadenet-Lola LM Ford Cosworth DFV 3.0L V8 D 171
30
DNF
S
+2.0
23 Giappone Dome Co. Ltd. Regno Unito Chris Craft
Regno Unito Bob Evans
Dome RL81 Ford Cosworth DFV 3.0L V8 D 154
31
DNF
IMSA
GTX
40 Germania Joest Racing Colombia Maurizio de Narvaez
Stati Uniti Kenper Miller
Germania Günther Steckkönig
Porsche 935J Porsche Type-935 2.8L Turbo Flat-6 D 152
32
DNF
IMSA
GTX
48 Regno Unito Simon Phillips Regno Unito Simon Phillips
Regno Unito Mike Salmon
Stati Uniti Steve Earle
Ferrari 512BB/LM Ferrari 4.9L Flat-12 M 140
33
DNF
IMSA
GTX
45 Italia Scuderia Supercar Bellancauto SRL Italia Fabrizio Violati
Italia Maurizio Flammini
Italia Duilio Truffo
Ferrari 512BB/LM Ferrari 4.9L Flat-12 M 118
34
DNF
S
+2.0
22 Svizzera André Chevalley Racing Francia Patrick Gaillard
Svizzera André Chevalley
Francia Bruno Sotty
ACR 80B Ford Cosworth DFV 3.0L V8 G 114
35
DNF
IMSA
GTO
37 Giappone Mazdaspeed Co. Ltd. Giappone Tetsu Ikuzawa
Regno Unito Tom Walkinshaw
Regno Unito Peter Lovett
Mazda RX-7 Mazda 13B 1.3L 2-Rotori D 107
36
DNF
S
2.0
30 Francia Jean-Marie Lemerle Francia Jean-Marie Lemerle
Marocco Max Cohen-Olivar
Francia Alain Levié
Lola T298 BMW 2.0L I4 G 104
37
DNF
S
+2.0
27 Regno Unito Ian Bracey Regno Unito Tiff Needell
Regno Unito Tony Trimmer
Ibec-Hesketh 308LM Ford Cosworth DFV 3.0L V8 D 95
38
DNF
S
+2.0
10 Germania Porsche Kremer Racing Francia Bob Wollek
Francia Xavier Lapeyre
Francia Guy Chasseuil
Porsche 917K/81 Porsche 4.9L Flat-12 D 82
39
DNF
S
+2.0
14 Germania Joest Racing Germania Reinhold Joest
Stati Uniti Dale Whittington
Germania Klaus Niedzwiedz
Porsche 908/80 Porsche 2.1L Turbo Flat-6 D 80
40
DNF
S
+2.0
24 Francia Otis Jean Rondeau Francia Jean Rondeau
Francia Jean-Pierre Jaussaud
Rondeau M379C Ford Cosworth DFL 3.3L V8 G 58
41
DNF
Gr.5 59 Germania Porsche Kremer Racing Stati Uniti Ted Field
Stati Uniti Bill Whittington
Stati Uniti Don Whittington
Porsche 935 K3 Porsche Type-935 3.2L Turbo Flat-6 G 57
42
DNF
IMSA
GTX
50 Germania BASF Cassetten Team GS Sport Germania Hans Joachim Stuck
Francia Jean-Pierre Jarier
Germania Helmut Henzler
BMW M1 Gr.5 BMW M88 3.5L I6 D 57
43
DNF
C 83 Francia WM A.E.R.E.M. Francia Jean-Daniel Raulet
Francia Marcel Mamers
WM P81 Peugeot PRV 2.7L Turbo V6 M 50
44
DNF
Gr.5 69 Svezia Tuff-Kote Dinol Racing Svezia Jan Lundgårdh
Germania Axel Plankenhorn
Regno Unito Mike Wilds
Porsche 935 L1 "Baby" Porsche 1.4L Turbo Flat-6 D 49
45
DNF
GT 71 Austria Helmut Marko RSM Germania Christian Danner
Germania Peter Oberndofer
Germania Prince Leopold von Bayern
BMW M1 BMW M88 3.5L I6 D 49
46
DNF
Gr.5 61 Germania Weralit Racing Team Germania Edgar Dören
Germania Jürgen Lässig
Germania Gerhard Holup
Porsche 935 K3 Porsche Type-935 3.0L Turbo Flat-6 D 48
r47
DNF
Gr.5 67 Italia Martini Racing Italia Beppe Gabbiani
ItaliaEmanuele Pirro
Lancia Beta Montecarlo Turbo Lancia 1.4L Turbo I4 P 47
48
DNF
GTP
+3.0
5 Francia WM A.E.R.E.M. Francia Guy Fréquelin
Francia Roger Dorchy
Francia Xavier Mathiot
WM P79/80 Peugeot PRV 2.7L Turbo V6 M 46
49
DNF
IMSA
GTX
41 Stati Uniti Preston Henn Racing Stati Uniti Preston Henn
Stati Uniti Michael Chandler
Francia Marcel Mignot
Porsche 935 K3 Porsche Type-935 3.0L Turbo Flat-6 D 45
50
DNF
S
+2.0
26 Francia Oceanic Jean Rondeau Francia Henri Pescarolo
Francia Patrick Tambay
Rondeau M379C Ford Cosworth DFL 3.3L V8 G 41
51
DNF
GT 73 Francia Eminence Racing Team Francia Jean-Marie Alméras
Francia Jacques Alméras
Porsche 924 Carrera GTR Porsche 2.0L Turbo I4 M 30
52
DNF
S
+2.0
25 Francia Calberson Jean Rondeau Francia Jean Ragnotti
Francia Jean-Louis Lafosse
Rondeau M379C Ford Cosworth DFV 3.0L V8 G 28
53
DNF
IMSA
GTO
38 Giappone Mazdaspeed Co. Ltd. Giappone Yojiro Terada
Giappone Hiroshi Fushida
Regno Unito Win Percy
Mazda RX-7 Mazda 13B 1.3L 2-Rotori D 25
54
DNF
C 82 Francia WM A.E.R.E.M. Belgio Thierry Boutsen
Francia Serge Saulnier
Francia Michel Pignard
WM P81 Peugeot PRV 2.7L Turbo V6 M 15
55
DNF
IMSA
GTO
35 Stati Uniti Stratagraph Inc. Stati Uniti Cale Yarborough
Stati Uniti Billy Hagan
Stati Uniti Bill Cooper
Chevrolet Camaro Chevrolet 6.4L V8 G 13

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

  • Pole Position - #11 Porsche System - 3:29.44
  • Giro più veloce - #12 Porsche System - 3:34.00
  • Distanza - 4825.348 km
  • Velocità media - 201.056 km/h

Vincitori dei trofei[modifica | modifica sorgente]

  • Indice di efficienza termica - #31 Jean-Philippe Grand

Note[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Gara precedente:
1000 km del Nürburgring
FIA Campionato del mondo sportprototipi
Campionato del mondo sportprototipi 1981
Gara successiva:
6 Ore di Pergusa

Gara precedente:
24 Ore di Le Mans 1980
24 Ore di Le Mans 1981 Gara successiva:
24 Ore di Le Mans 1982