24 Ore di Le Mans 1964

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
24 Ore di Le Mans 1964
Edizione n. 32 del 24 Ore di Le Mans
Dati generali
Inizio 20 giugno
Termine 21 giugno
valevole anche per il Campionato del Mondo Sport Prototipi
Titoli in palio
Vittoria assoluta Francia Jean Guichet
Italia Nino Vaccarella
su Ferrari 275 P
Prototipi fino a 5 litri
Gran Turismo
oltre 3 litri
Francia Dan Gurney
Francia Bob Bondurant
su Shelby Daytona Cobra Coupé
Gran Turismo
fino a 3 litri
Belgio Lucien Bianchi
Belgio Jean Blaton
su Ferrari 250 GTO
Gran Turismo
fino a 2 litri
Germania Gerhard Koch
Svizzera Heinz Schiller
su Porsche 904/4 GTS
Gran Turismo
fino a 1,6 litri


Prototipi
oltre 5 litri


Gran Turismo
fino a 1,3 litri
Italia Roberto Bussinello
Italia Bruno Deserti
su Alfa Romeo Giulia TZ

Belgio Pierre Noblet
Svizzera Edgar Berney
su Iso Grifo A3C

Regno Unito Clive Hunt
Regno Unito John Wagstaff
su Lotus Elite Mk14
Altre edizioni
Precedente - Successiva
Edizione in corso

La 24 Ore di Le Mans 1964 è stato la 32a edizione della gara francese e si è disputata il 20 e 21 giugno 1964[1] sul Circuit de la Sarthe, ridotto nel 1956 a una lunghezza di 13,461 km dopo i lavori per aumentare la sicurezza dell'area dei box in seguito alla tragedia del 1955[2]. È stata anche la nona gara del Campionato del Mondo Sport Prototipi di quell'anno.

Contesto[modifica | modifica sorgente]

La Ferrari 275 P, guidata da Ludovico Scarfiotti durante la 1000 km del Nürburgring del 1964.
La Iso Grifo AC3 allestita da Giotto Bizzarrini

Dopo aver cercato l'anno precedente e senza successo di acquisire la Ferrari, la Ford decise di sfidare il Commendatore sui campi di gara in quella che viene ricordata dagli appassionati come la Guerra Ferrari-Ford. Presentato al pubblico pochi mesi prima e alla sua prima apparizione a Le Mans, il prototipo Ford GT40 Mk.I (spinto da un motore V8 di 4,2 litri) aveva però dato una pessima impressione nelle prove pre-gara e non c'erano indizi che suggerissero che la Ford fosse stata in grado di fare miracoli nel limitato tempo a disposizione per risollevare le sorti delle 3 vetture schierate in gara. Il Drake prese comunque sul serio la minaccia americana e preparò meticolosamente la gara per difendere la vittoria conseguita l'anno precedente, affidandosi sulle sue auto a componenti ben collaudati e, a scanso di equivoci, aveva schierato i suoi più recenti prototipi: 3 Ferrari 275 P e una Ferrari 330 P ufficiali e affidato un'altra 330P alla squadra inglese Maranello Concessionaires, oltre alle Ferrari 250 LM iscritte dai team Equipe Nationale Belge e NART. Quell'anno, tutti si aspettavano che la Ferrari vincesse a mani basse. Tra le due superpotenze della categoria Prototipi 5 litri tentava di inserirsi la Maserati Tipo 151/1 iscritta dalla Maserati France e pilotata da André Simon e Maurice Trintignant, mentre nella categoria Prototipi oltre 5 litri era iscritta la Iso-Rivolta Grifo AC3 spinta da un motore Chevrolet V8 5.3 litri, che poteva rappresentare una probabile sorpresa.

Gli uomini di Maranello erano inoltre favoriti per la vittoria anche nella categoria Gran Turismo, in cui avevano iscritto un agguerrito quartetto di Ferrari GTO in versione aggiornata. I loro principali avversari erano di nuovo quelli della Ford, anche se in questo caso i loro motori equipaggiavano le Shelby Daytona Cobra Coupé dotate di carrozzerie speciali. Poi c'erano la coppia di Jaguar E-Type Lightweight, da cui non ci si aspettava molto. I motori Ford erano utilizzati anche nelle Sunbeam Tiger, ma questo abbinamento non aveva dimostrato di essere efficace. Le Tiger non erano particolarmente veloce nei rettilinei e sembravano essere più che nervose in curva. L'unico timore che incutevano negli avversari era l'attenzione necessaria nel momento in cui si doveva doppiarle.

La Porsche 904
La CD 3 motorizzata Panhard

Nella categoria due litri, la vittoria non sarebbe dovuta sfuggire alla Porsche che si presentò in forze con due prototipi Porsche 904 con motore a 8 cilindri per la squadra ufficiale e cinque 904 GTS a quattro cilindri per le squadre clienti nella categaria GT.

Vi erano inoltre le vetture francesi: l'Alpine-Renault con 4 vetture, la René Bonnet-Renault con 5 vetture e due vetture denominate CD 3 (dalle iniziali di Charles Deutsch, ex socio di René Bonnet) che si basavano su componenti Panhard, ma le loro ridotte prestazioni le mettevano in grado di vincere unicamente il premio per l'Indice di Efficienza, che viene assegnato sulla base della distanza percorsa, il peso, la superficie frontale e il consumo di carburante. Delle tre vetture, l'ultima era dotata di un propulsore Panhard, con compressore, e della trazione anteriore, ma era degna di nota più per la carrozzeria: coupé, con l'aspetto di una lacrima un po' appiattita e dotata di un paio di pinne molto importanti per la stabilità alle alte velocità che si presupponeva dovesse raggiungere[3][4].

Qualifiche[modifica | modifica sorgente]

Durante le prove, la Ford GT40 mostra le proprie ambizioni con una velocità di punta superiore a 300 km/h sull'Hunaudières. Non sarà sufficiente a scalzare John Surtees e la sua Ferrari 330P dalla pole position, siglata in 3:42,0: alle sue spalle si posizionò la GT40 di Richie Ginther con 3:45,3 e dietro di essa la Ferrari 330 P della NART, la GT40 di Phil Hill e la Ferrari 275 P di Guichet e Vaccarella[1][5].

Gara[modifica | modifica sorgente]

Una Ford GT40
Una Shelby Daytona Cobra Coupé

La partenza stile Le Mans si svolse senza intoppi, con Pedro Rodríguez che prese il comando, mentre l'americano Phil Hill con la sua GT40 e una Sprite ebbero problemi e partirono attardati rispetto al gruppo. Al primo passaggio tre Ferrari conducevano la gara, seguite da Ginther sulla Ford GT40, che subito li raggiunse sul rettilineo dell'Hunaudières e sfruttando la scia del trenino formato dalle tre auto segnò la notevole velocità di 328 km/h (205 mph) conquistando la testa della corsa[6], mentre i suoi compagni di marca erano costretti a ripetute soste ai box per rimediare a irregolarità di funzionamento dei loro propulsori. Una volta risolti tali problemi fu subito chiaro che, se fossero arrivate in fondo alla gara, le Ford avrebbero bastonato le Ferrari, in quanto erano più veloci in rettilineo ed erano almeno alla pari con le vetture italiane in tutti gli altri settori. Sembrava che le Ferrari stessero solo prendendo tempo in attesa che le Ford si ritirassero coi motori esplosi.

John Surtees, che divenne ben presto il pilota di punta della Ferrari, non corse sulla difensiva: stava spingendo forte sfruttando al massimo la vettura, ma tutto ciò non era abbastanza per mantenere la vettura di Ginther e Masten Gregory in vista. Ginther aveva continuato ad allontanarsi e le altre Ford, che a questo punto era stato riparate, recuperavano terreno a gran velocità. Si andò avanti così per le prime ore di gara finché Ginther non ruppe la trasmissione al calar delle tenebre, mentre nelle retrovie le Cobra coupé stavano strapazzando le Ferrari GT.

La notte, come di consueto, trascorse costellata di ritiri: la Ford GT40 di Richard Attwood e Jo Schlesser fu eliminata da un incendio nel vano motore mentre era in seconda posizione[1], la Cobra coupé di Peter Bolton ebbe un incidente mentre era in lotta con una Ferrari (ritiro per entrambi e tre giovani spettatori, che attraversavano la pista, travolti e uccisi dalle vetture[6]), la Cobra di Jochen Neerspasch e Chris Amon fu squalificata per aver riavviato la vettura con una batteria ausiliaria (procedura vietata dal regolamento) e all'alba Jean-Louis Marnat, alla guida dell'ultima Triumph superstite, ebbe un inspiegabile incidente sul rettilineo dei box impattando sul terrapieno a sinistra della pista, rimbalzando contro i box (che a quel tempo non erano protetti da nessun muretto) in un punto sgombro da persone e finendo la sua corsa all'altezza della prima curva: si ipotizzò una perdita di conoscenza per avvelenamento da monossido di carbonio[6].

Una Ferrari GTO II '64 (II serie)

A questo punto anche la Ferrari risentiva degli effetti dei primi giri corsi a ritmo da Gran Premio. La macchina di Surtees e le altre correvano disordinatamente e, a peggiorare la situazione, la GT40 di Phil Hill e Bruce McLaren correva ancora forte e, anche se una certa distanza, guadagnava velocemente terreno: in questa fase Hill registrò un nuovo record assoluto sul giro in 3 minuti e 49 secondi. Purtroppo per lui, poco dopo la trasmissione della Ford diede forfait e Hill si ritirò. Ma se i piloti dei prototipi Ferrari si sentivano sollevati, lo stesso non poteva dirsi di quelli delle Gran Turismo, messi in riga dalla Cobra: Dan Gurney e Bob Bondurant la guidarono come sul velluto fino alla vittoria di classe GT e al quarto posto assoluto.

Ma il dominio di Gurney e Bondurant era stato messo a repentaglio al mattino, quando una perdita di pressione dell'olio motore li aveva spinti a ridurre fortemente il ritmo, dando una speranza alle Ferrari GTO, che si erano lanciate all'inseguimento abbassando di 10 secondi il tempo sul giro. Dopo una riparazione di fortuna al circuito di lubrificazione che non avrebbe retto ad uno sforzo prolungato, Gurney aveva "bluffato" forzando il ritmo sugli stessi tempi delle Ferrari per quei pochi giri che erano serviti a ingannare gli avversari e ridurli a più miti consigli[6].

Alla fine sotto la bandiera a scacchi passarono per primi i ferraristi Jean Guichet e Nino Vaccarella, poi Graham Hill e Jo Bonnier con la Ferrari del team Maranello Concesionaires e, un po' distanziati, Surtees e Lorenzo Bandini. Quarta, come detto, la Cobra di Gurney e Bondurant precedette le due Ferrari 250 GTO di Lucien Bianchi in coppia con "Jean Beurlys" e Innes Ireland in coppia con Tony Maggs. Questo fu l'ottavo e ultimo successo della Ferrari a Le Mans.

Classifica finale[modifica | modifica sorgente]

Pos Classe Squadra Piloti Vettura Motore Giri
1 P
5.0
20 Italia SpA Ferrari SEFAC Francia Jean Guichet
Italia Nino Vaccarella
Ferrari 275 P Ferrari 3.3L V12 349
2 P
5.0
14 Regno Unito Maranello Concessionaires Regno Unito Graham Hill
Svezia Jo Bonnier
Ferrari 330 P Ferrari 4.0L V12 344
3 P
5.0
19 Italia SpA Ferrari SEFAC Regno Unito John Surtees
Italia Lorenzo Bandini
Ferrari 330 P Ferrari 4.0L V12 337
4 GT
+3.0
5 Stati Uniti Shelby-American Inc. Stati Uniti Dan Gurney
Stati Uniti Bob Bondurant
Shelby Cobra Daytona Ford 4.7L V8 334
5 GT
3.0
24 Belgio Ecurie Nationale Belge Belgio Lucien Bianchi
Belgio Jean Blaton
Ferrari 250 GTO Ferrari 3.0L V12 333
6 GT
3.0
25 Regno Unito Maranello Concessionaires Regno Unito Innes Ireland
Sudafrica Tony Maggs
Ferrari 250 GTO Ferrari 3.0L V12 328
7 GT
2.0
34 Francia Auguste Veuillet Francia Robert Buchet
Francia Guy Ligier
Porsche 904/4 GTS Porsche 2.0L Flat-4 323
8 GT
2.0
33 Paesi Bassi Racing Team Holland Paesi Bassi Ben Pon
Paesi Bassi Henk van Zalinge
Porsche 904/4 GTS Porsche 2.0L Flat-4 319
9 GT
3.0
27 Stati Uniti North American Racing Team (NART)
Francia Fernand Tavano
Francia Fernand Tavano
Stati Uniti Bob Grossman
Ferrari 250 GTO Ferrari 3.0L V12 315
10 GT
2.0
31 Germania Porsche System Engineering Germania Gerhard Koch
Svizzera Heinz Schiller
Porsche 904/4 GTS Porsche 2.0L Flat-4 315
11 GT
2.0
35 Svizzera Scuderia Filipinetti Svizzera Herbert Müller
Svizzera Claude Sage
Porsche 904/4 GTS Porsche 2.0L Flat-4 309
12 GT
2.0
32 Francia "Franc" Francia Jacques Dewes
Francia Jean Kerguen
Porsche 904/4 GTS Porsche 2.0L Flat-4 308
13 GT
1.6
57 Italia Scuderia St. Ambroeus Italia Roberto Bussinello
Italia Bruno Deserti
Alfa Romeo Giulia TZ Alfa Romeo 1.6L I4 307
14 P
+5.0
1 Francia Auguste Veuillet Belgio Pierre Noblet
Svizzera Edgar Berney
Iso Grifo A3C Chevrolet 5.4L V8 307
15 GT
1.6
41 Italia Scuderia St. Ambroeus Italia Giampiero Biscaldi
Italia Giancarlo Sala
Alfa Romeo Giulia TZ Alfa Romeo 1.6L I4 305
16 P
5.0
23 Belgio Ecurie Nationale Belge Francia Pierre Dumay
Belgio Gerard Langlois van Ophem
Ferrari 250 LM Ferrari 3.3L V12 298
17 P
3.0
46 Francia Société des Automobiles Alpine Francia Roger Delageneste
Irlanda Henry Morrogh
Alpine M64 Renault-Gordini 1.1L I4 292
18 GT
+3.0
64 Francia Société Chardonnet Francia Régis Fraissinet
Francia Jean de Mortemart
AC Cobra Ford 4.7L V8 289
19 GT
2.0
37 Regno Unito British Motor Corporation Irlanda Paddy Hopkirk
Regno Unito Andrew Hedges
MG MGB Hardtop MG 1.8L I4 287
20 P
3.0
59 Francia Société des Automobiles Alpine Francia Roger Masson
Italia Teodore Zeccoli
Alpine M63 Renault-Gordini 1.0L I4 284
21 P
3.0
50 Regno Unito Standard Triumph Regno Unito David Hobbs
Paesi Bassi Rob Slotemaker
Triumph Spitfire Triumph 1.1L I4 272
22 GT
1.3
43 Regno Unito Team Elite '62 Regno Unito Clive Hunt
Regno Unito John Wagstaff
Lotus Elite Mk14 Coventry Climax 1.2L I4 266
23 GT
1.3
52 Francia Société Automobiles René Bonnet Francia Philippe Farjon
Francia Serge Lelong
René Bonnet Aérodjet Renault-Gordini 1.1L I4 260
24 P
3.0
53 Regno Unito Donald Healey Motor Company Regno Unito Clive Baker
Regno Unito William Bradley
Austin-Healey Sprite Sebring BMC 1.1L I4 257

Non Classificati[modifica | modifica sorgente]

Non hanno coperto il 70% della distanza del vincitore, ovvero 244 giri

Pos Classe Squadra Piloti Vettura Motore Giri
25 P
3.0
47 Francia Société des Automobiles Alpine Belgio Mauro Bianchi
Francia Jean Vinatier
Alpine M63 Renault-Gordini 1.0L I4 230

Ritirati[modifica | modifica sorgente]

Pos Classe Squadra Piloti Vettura Motore Giri
26 P
3.0
30 Germania Porsche System Engineering Regno Unito Colin Davis
Germania Gerhard Mitter
Porsche 904/8 Porsche 2.0L Flat-8 244
27 GT
+3.0
18 Regno Unito Michael Salmon Regno Unito Michael Salmon
Regno Unito Peter Sutcliffe
Aston Martin DP214 Aston Martin 3.7L I6 235
28 P
3.0
48 Francia Société Automobiles René Bonnet Francia Robert Bouharde
Francia Michel de Bourbon-Palma
René Bonnet Aérodjet Renault-Gordini 1.1L I4 216
29 P
5.0
10 Stati Uniti Ford Stati Uniti Phil Hill
Nuova Zelanda Bruce McLaren
Ford GT40 Mk.I Ford 4.2L V8 192
30 GT
+3.0
16 Germania Peter Lindner Germania Peter Lindner
Germania Peter Nöcker
Jaguar E-Type Lightweight Jaguar 3.8L I6 149
31 P
3.0
65 Regno Unito Standard Triumph Francia Jean-François Piot
Francia Jean-Louis Marnat
Triumph Spitfire Triumph 1.1L I4 140
32 P
3.0
29 Germania Porsche System Engineering Germania Edgar Barth
Germania Herbert Linge
Porsche 904/8 Porsche 2.0L Flat-8 139
33 P
3.0
54 Francia Société des Automobile Alpine Francia Philippe Vidal
Francia Henri Grandsire
Alpine M64 Renault-Gordini 1.1L I4 133
34 GT
+3.0
6 Stati Uniti Briggs S. Cunningham Nuova Zelanda Chris Amon
Germania Jochen Neerpasch
Shelby Cobra Daytona Ford 4.7L V8 131
35 P
3.0
45 Francia S.E.C.A. CD Francia Pierre Lelong
Francia Guy Verrier
CD 3 Panhard 1.2L Supercharged Flat-2 124
36 GT
+3.0
9 Regno Unito Rootes Group Regno Unito Peter Procter
Regno Unito Jimmy Blumer
Sunbeam Tiger Ford 4.3L V8 118
37 GT
3.0
26 Stati Uniti North American Racing Team (NART) Stati Uniti Ed Hugus
Francia José Rosinski
Ferrari 250 GTO Ferrari 3.0L V12 114
38 P
5.0
2 Francia Maserati France Francia André Simon
Francia Maurice Trintignant
Maserati Tipo 151/1 Maserati 4.9L V8 99
39 GT
+3.0
17 Regno Unito P.J. Sargent Regno Unito Peter Sargent
Regno Unito Peter Lumsden
Jaguar E-Type Lightweight Jaguar 3.8L I6 80
40 P
3.0
44 Francia S.E.C.A. CD Francia Alain Bertaut
Francia André Guilhaudin
CD 3 Panhard 1.2L Supercharged Flat-2 77
41 GT
+3.0
3 Regno Unito AC Cars Ltd. Regno Unito Peter Bolton
Regno Unito Jack Sears
AC Cobra Coupe Ford 4.7L V8 77
42 P
5.0
21 Italia SpA Ferrari SEFAC Regno Unito Mike Parkes
Italia Ludovico Scarfiotti
Ferrari 275 P Ferrari 3.3L V12 71
43 P
5.0
22 Italia SpA Ferrari SEFAC Italia Giancarlo Baghetti
Italia Umberto Maglioli
Ferrari 275 P Ferrari 3.3L V12 69
44 P
5.0
11 Stati Uniti Ford Stati Uniti Richie Ginther
Stati Uniti Masten Gregory
Ford GT40 Mk.I Ford 4.2L V8 63
45 P
3.0
56 Francia Société Automobiles René Bonnet Francia Pierre Monneret
Svizzera Jean-Claude Rudaz
René Bonnet Aérodjet Renault-Gordini 1.0L I4 62
46 P
5.0
15 Stati Uniti North American Racing Team (NART) Messico Pedro Rodríguez
Stati Uniti Skip Hudson
Ferrari 330 P Ferrari 4.0L V12 58
47 P
5.0
12 Stati Uniti Ford Regno Unito Richard Attwood
Francia Jo Schlesser
Ford GT40 Mk.I Ford 4.2L V8 58
48 P
3.0
55 Francia Société Automobiles René Bonnet Francia Jean-Pierre Beltoise
Francia Gérard Laureau
René Bonnet Aérodjet Renault-Gordini 1.1L I4 54
49 GT
1.6
40 Italia Scuderia St. Ambroeus Italia Fernand Masoreo
Francia Jean Rolland
Alfa Romeo Giulia TZ Alfa Romeo 1.6L I4 47
50 P
3.0
60 Francia Société Automobiles René Bonnet Italia Bruno Basini
Francia Roland Charriére
René Bonnet RB5 Renault-Gordini 1.2L I4 44
51 GT
+3.0
8 Regno Unito Rootes Group Belgio Claude Dubois
Regno Unito Keith Ballisat
Sunbeam Tiger Ford 4.3L V8 37
52 P
3.0
49 Regno Unito Standard Triumph Stati Uniti Michael Rotschild
Stati Uniti Bob Tullius
Triumph Spitfire Triumph 1.1L I4 23
53 P
3.0
42 Regno Unito Lawrence Tune Engineering Regno Unito Chris J. Lawrence
Regno Unito Gordon Spice
Deep Sanderson 301 BMC 1.3L I4 13
54 GT
1.6
38 Francia Royal Elysées Francia René Richard
Francia "Pierre Gelé"
Lotus Elan Lotus 1.6L I4 7
55 P
5.0
58 Stati Uniti North American Racing Team (NART) Regno Unito David Piper
Austria Jochen Rindt
Ferrari 250 LM Ferrari 3.3L V12 0

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

  • Pole Position - numero 19 SpA Ferrari SEFAC - 3:42.0
  • Giro più veloce in gara - numero 10 Ford - 3:49.2
  • Distanza totale coperta - 4695.31 km
  • Media oraria - 195.638 km/h

Vincitori dei Trofei[modifica | modifica sorgente]

  • Indice di Prestazione - numero 20 SpA Ferrari SEFAC
  • Indice di Efficienza Termica - numero 46 Société des Automobiles Alpine

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c 1964 Ferrari domine Ford
  2. ^ Le diverse configurazioni del circuito
  3. ^ Immagini della vettura da www.autodiva.fr
  4. ^ Altre immagini della vettura da www.autodiva.fr
  5. ^ http://wspr-racing.com/wspr/results/lemans/lemans1964.html
  6. ^ a b c d resoconto della gara

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]