2112

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da 2112 (album))
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi 2112 (disambigua).
2112
Artista Rush
Tipo album Studio
Pubblicazione aprile 1976
Durata 39 min : 06 s
Dischi 1
Tracce 6
Genere Hard rock
Rock progressivo
Etichetta Mercury Records
Produttore Terry Brown e Rush
Note Tour promozionale collegato: 2112 Tour
Certificazioni
Dischi d'oro 1
Dischi di platino 3
Rush - cronologia
Album precedente
(1975)
Album successivo
(1976)
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
All Music Guide[1] 4.5/5 stelle

2112 è il quarto album della rock-band canadese Rush, pubblicato il 20 aprile 1976, registrato e mixato presso i canadesi Toronto Sound Studios. Le date di Toronto del successivo tour di supporto dell'album furono registrate e pubblicate nel settembre del 1976 sotto il nome di All the World's a Stage. 2112 è stato certificato oro dalla RIAA il 16 novembre 1977[2] e triplo disco di platino il 17 novembre 1995[2].

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Lo si può considerare il primo album del periodo progressive della band, che include anche i successivi A Farewell to Kings, Hemispheres e secondo alcuni prosegue almeno fino a Signals, anche se la matrice dominante dell'album è sicuramente l'hard rock. Anche la suddivisione in brani si avvicina (come già nel precedente Caress of Steel) a quelle tipiche di gruppi progressive come Yes o Genesis, con un brano, la suite 2112, che occupa un intero lato del vinile. In questo brano celebre, la voce stridula di Geddy Lee, i tecnici assoli di Alex Lifeson e la batteria di Neil Peart creano le atmosfere spaziali che fanno da sfondo a una storia ambientata in un futuro antiutopico in cui la musica è stata bandita (una storia analoga sarà narrata qualche anno dopo in un altro brano celebre, Red Barchetta sull'album Moving Pictures). È da sempre considerato uno dei migliori album del trio canadese.

Sul retro di copertina dell'album appare per la prima volta un simbolo che diventerà poi uno dei logo storici del gruppo, un uomo nudo di schiena di fronte a un pentacolo.

2112, in abbinamento con Moving Pictures, è stato pubblicato nel giugno 2010 come DVD e BluRay della serie di documentari Classic Albums della Eagle Rock Entertainment.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. 2112 - (20:34)
    • I) Overture - (4:32)
    • II) The Temples of Syrinx - (2:13)
    • III) Discovery - (3:29)
    • IV) Presentation - (3:42)
    • V) Oracle: The Dream - (2:00)
    • VI) Soliloquy - (2:21)
    • VII) Grand Finale - (2:14)
  2. A Passage to Bangkok - (3:34)
  3. The Twilight Zone - (3:17)
  4. Lessons - (3:51) (Lifeson)
  5. Tears - (3:31) (Lee)
  6. Something For Nothing - (3:59)

Musiche di Lee/Lifeson. Testi di Peart tranne dove indicato

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Musicisti addizionali[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (1976) Posizione
massima
Stati Uniti[2] 61

Principali edizioni e formati[modifica | modifica wikitesto]

2112 è stato pubblicato nel corso degli anni in varie edizioni, ristampe e formati; queste le principali[3]:

  • 1976, Mercury Records, formato: LP, MC, 8-Tracks
  • 1987, Mercury Records, formato: CD
  • 1993, Mobile Fidelity Sound Lab, formato: CD oro 24k
  • 1997, Mercury Records, formato: CD, rimasterizzato
  • 2012, Mercury Records, formato: CD, DVD, Blu ray, rimasterizzato, delux edition
  • 2011, Mercury Records, all'interno del cofanetto Sector 1, formato: CD, rimasterizzato

Deluxe edition[modifica | modifica wikitesto]

L'edizione deluxe è stata pubblicata il 18 dicembre 2012 in diverse versioni (CD + DVD, CD + BluRay oppure CD + BluRay e libretto a fumetti). Essa presenta:

  • la copertina rivisitata, molto differente da quella originale
  • la versione rimasterizzata in 5.1 delle tracce originali
  • versioni live inedite dei brani Overture, The Temples of Syrinx (Northland Coliseum, Edmonton – 25 giugno 1981) e A Passage to Bangkok (Manchester Apollo, Manchester – 17 giugno 1980)
  • artwork ampliato, arricchito da foto inedite, note aggiuntive, racconti a fumetti legati ad ogni traccia, testi manoscritti da Neil Peart

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

The Twilight Zone / Lessons[4]
2112: The Temples of Syrinx / Making Memories[5]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel film School of Rock, il protagonista interpretato da Jack Black assegna a uno dei suoi studenti, batterista, il compito di "ascoltare attentamente" 2112, affermando che Neil Peart è uno tra i migliori batteristi al mondo.
  • L'intera suite 2112 è presente in Guitar Hero: Warriors of Rock. Inoltre la canzone, per la prima volta nella serie, ha una precisa funzione ai fini della storia principale del gioco, quando i primi quattro "guerrieri del rock" si accingono a prendere la chitarra leggendaria. Tra le varie parti del brano, oltretutto, vengono proposti dei filmati che hanno l'intento di narrare al meglio la storia della canzone.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rush | Discography | AllMusic
  2. ^ a b c Scheda su 2112 sul sito Powerwindows
  3. ^ http://www.discogs.com/Rush-2112/master/7315
  4. ^ http://www.discogs.com/Rush-Lakeside-Park/release/4354586
  5. ^ http://www.discogs.com/Rush-The-Temples-Of-Syrinx-2112-Band-II/master/496877
Rock progressivo Portale Rock progressivo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock progressivo