1er Régiment étranger de cavalerie

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
1er régiment étranger cavalerie
1º Reggimento straniero di cavalleria
Insigne 1er régiment étranger de cavalerie.jpg
Emblema del 1º REC
Descrizione generale
Attiva 1920 - oggi
Nazione Francia
Servizio Esercito francese
Tipo Reggimento
Ruolo cavalleria leggera blindata
Dimensione 900 militari
Guarnigione/QG Orange
Motto Nec Pluribus Impar
Colori Verde e rosso
Marcia La colonne
Battaglie/guerre campagna del Marocco, seconda guerra mondiale, Guerra d'Indocina, Guerra d'Algeria, Guerra del Golfo, Operazione Serval
Anniversari Camerone, 30 aprile
Decorazioni Legion d'Onore, Croce di guerra 1939-1945
Parte di
Comandanti
colonnello Jean-Christophe Béchon

[senza fonte]

Voci su unità militari presenti su Wikipedia

Il 1º Reggimento straniero di cavalleria (in francese 1er Régiment étranger de cavalerie o 1er REC), è l'unico reggimento di cavalleria della Legione straniera francese. Il 2º reggimento straniero di cavalleria, è stato infatti soppresso e sostituito dal Distaccamento della Legione straniera di Mayotte.

Il reggimento, oggi corazzato, è stazionato a Orange dal 1967, data del suo trasferimento da Orano.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Costituito nel 1920, ebbe inizialmente una forte componente di russi bianchi, in particolare ufficiali provenienti dalla guerra civile russa, e di cavalieri cosacchi. Stazionarono inizialmente in Tunisia, e dal 1925 in Marocco perteciparono a tutti gli scontri con i ribelli antifrancesi nel Sahara. Dal gennaio 1943 partecipò alla seconda guerra mondiale, entrando nel maggio 1945 in Austria. Dal 1947 fu in Indocina, nel 1955 in Tunisia e l'anno dopo in Algeria [1]. Hanno combattuto durante la Guerra del Golfo.

Nel gennaio 2013 i legionari sono stati inviati in Mali a difendere il paese dall'invasione degli islamisti del Movimento Nazionale per la Liberazione dell'Azawad [2].

Mezzi[modifica | modifica wikitesto]

Oggi dispone di 900 uomini su sette squadroni e dotato di carri armati leggeri AMX-10RC, blindati "Panhard VBL Milan" e mezzi anfibi Renault VAB.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://web.tiscali.it/legionestraniera/st_1rec.htm
  2. ^ Legione straniera,i cosacchi tornanonel deserto africano | Reporter nuovo