137 Meliboea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Meliboea
(137 Meliboea)
Scoperta 21 aprile 1874
Scopritore Johann Palisa
Classificazione Fascia principale
Famiglia Melibea
Classe spettrale C
Designazioni
alternative
A923 FA, 1958 UE, 1962 GB
Parametri orbitali
(all'epoca 18 agosto 2005 (JD 2453600,5))
Semiasse maggiore 465,902 Gm (3,114 AU)
Perielio 363,083 Gm (2,427 AU)
Afelio 568,721 Gm (3,802 AU)
Periodo orbitale 2007,445 g (5,496 a)
Velocità orbitale

16,67 km/s (media)

Inclinazione
sull'eclittica
13,428°
Eccentricità 0,221
Longitudine del
nodo ascendente
202,458°
Argom. del perielio 107,128°
Anomalia media 225,048°
Par. Tisserand (TJ) 3,138 (calcolato)
Dati fisici
Dimensioni 145,4 km
Massa
3,22×1018 kg
Densità media ~2,0 g/cm³
Acceleraz. di gravità in superficie 0,0407 m/s²
Velocità di fuga 0,0769 km/s
Periodo di rotazione 0,6304 g (15,130 h)
Temperatura
superficiale
~160 K (media)
Albedo 0,050
Dati osservativi
Magnitudine ass. 8,05

137 Meliboea (in italiano 137 Melibea) è un grande asteroide molto scuro della Fascia principale. Ha una composizione di materiale carbonioso.

È di gran lunga il corpo più grande della famiglia di asteroidi Meliboea (che quindi porta il suo nome), paragonabile in dimensioni solo a 791 Ani.

Meliboea fu il secondo asteroide scoperto dall'astronomo austriaco Johann Palisa, prolifico "cacciatore" di pianetini. Fu individuato il 21 aprile 1874 dall'Osservatorio Navale Austriaco di Pola, di cui fu direttore dal 1872 al 1880, grazie a un telescopio rifrattore da 6 pollici. Fu battezzato così in onore di una delle due Melibea della mitologia greca.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]


Asteroidi del sistema solare L'asteroide 951 Gaspra

Precedente: 136 Austria      Successivo: 138 Tolosa


Gruppi principali NEAFascia principaleTroianiCentauriTNO (Fascia di Kuiper) • Pianeti nani
Vedi anche Asteroidi principaliLista completaFamiglie asteroidaliClassi spettrali
Stub astronomia.png Questo box:     vedi · disc. · mod.
sistema solare Portale Sistema solare: accedi alle voci di Wikipedia sugli oggetti del Sistema solare