12 metri d'amore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
12 metri d'amore
12 metri d'amore.png
Desi Arnaz e Lucille Ball in una scena del film
Titolo originale The Long, Long Trailer
Paese di produzione Stati Uniti
Anno 1954
Durata 103 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 1.75:1
Genere commedia
Regia Vincente Minnelli
Soggetto Clinton Twiss
Sceneggiatura Albert Hackett, Frances Goodrich
Fotografia Robert Surtees
Montaggio Ferris Webster
Musiche Xavier Cugat, Foster "Fausto" Curbelo, Adolph Deutsch, Albert Stillman
Scenografia Edward C. Carfagno, Cedric Gibbons
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

12 metri d'amore è un film del 1954, diretto da Vincente Minnelli, l'unica commedia farsesca della sua carriera. Abbastanza sottovalutato - almeno fuori dagli Stati Uniti - quando uscì, nel corso degli anni è pian piano assurto allo status di piccolo classico nel suo genere, ma soprattutto di cult-movie nell'ambiente degli appassionati di camperismo e turismo in roulotte.

All'epoca in cui fu girato il film, Lucille Ball e Desi Arnaz erano marito e moglie anche nella realtà, nonché protagonisti di una sit-com televisiva di grande successo, I Love Lucy, in onda dal 1951 al 1957, trasmessa anche in Italia, con il titolo Lucy ed io, per 13 puntate a partire dal 6 febbraio 1960.

Il film Vita da camper (RV, 2006) di Barry Sonnenfeld, con Robin Williams, Cheryl Hines, Joanna Levesque, Josh Hutcherson, Jeff Daniels, Kristin Chenoweth e Will Arnett, si richiama, anche se solo parzialmente, a questa pellicola di Minnelli.

Trama[modifica | modifica sorgente]

La vicenda è raccontata con un lungo flashback. Tacy Bolton e Nicky Collini, appena sposati, dovendosi trasferire in California per motivi di lavoro, decidono di trasformare il lungo viaggio nella loro luna di miele, acquistando una enorme roulotte superaccessoriata che dovrà far loro anche da casa una volta arrivati a destinazione. In verità, la decisione è presa dall'entusiasta Tacy, mentre il più riflessivo Nicky si limita ad assecondare la moglie, sia pure con scarso entusiasmo. La faccenda si rileva subito più complicata del previsto, dato che, per trascinare un simile bestione, è necessario comprare una nuova macchina ed affrontare quindi ulteriori spese. Inoltre la guida è molto difficoltosa: ad esempio, durante una visita ad una zia di Tacy, Nicky sfonda con la roulotte la recinzione del giardino, inimicandosi i parenti dai quali si aspettavano un sostanzioso dono di nozze. Tutto il viaggio è costellato da piccoli e grandi incidenti, che incidono sull'umore dei novelli sposini. Particolarmente disgraziata risulta l'idea di Tacy di restare dentro la roulotte per cucinare in viaggio, senza tener conto dei sobbalzi della strada. Dopo una faticosa ed esilarante "arrampicata" seguita da una baruffa più forte delle altre, i due sembrano sul punto di separarsi. Però alla fine l'amore e il buon senso hanno la meglio. Il matrimonio ed il rimorchio sono salvi.

Note di produzione[modifica | modifica sorgente]

  • Il lungo "trailer" (o "roulotte") che appare nel film è un modello "New Moon" del 1953, prodotto dalla ditta Redman Trailer Co. e costruito ad Alma, nel Michigan. La Redman era nata nel lontano 1930, fondata da Harold e William Redman, coadiuvati dall'ingegnere Al Hathaway.
  • Secondo quanto afferma Robert Osborne, la compagnia di produzione non era sicura se il film sarebbe stato un successo oppure no, perché essi pensavano che la gente non avrebbe pagato per vedere Lucille Ball e Desi Arnaz in un film, quando poteva vederli gratis in tv in I Love Lucy. Arnaz allora fece una scommessa di 25.000 dollari con i produttori, affermando che il film avrebbe incassato più soldi di quanti ne aveva guadagnati la commedia di maggior successo dell'epoca (Il padre della sposa con Spencer Tracy e Elizabeth Taylor, fra l'altro diretto sempre da Minnelli). Arnaz vinse la scommessa!
  • La ripida stradina di montagna dove Nicky e Tacy s'avventurano verso fine film, in rischiosissima salita (considerando anche i pesanti "sassi ricordo" collezionati da Tacy), è in realtà la Whitney Portal Road, che si arrampica sul Monte Whitney nelle montagne della californiana Sierra Nevada. Infatti si intravede sotto la Owens Valley. Per queste scene fu necessario sostituire l'auto usata dai due protagonisti, una Mercury Monterey convertibile del 1953, con una simile ma più potente, vale a dire una Lincoln Capri convertibile, sempre del '53 (ma munita di un motore di 205 HP V8, giacché c'era il timore che la Mercury non sarebbe riuscita a trainare il gigantesco "New Moon" per quelle salite!).

Location[modifica | modifica sorgente]

Il film è stato girato interamente in California (sulle Alabama Hills di Lone Pine, a Palos Verdes, presso il Red Rock Canyon State Park, il Treasure Island Mobile Home Park di Laguna Beach e sulla tortuosa Whitney Portal Road nel Lone Pine Creek Canyon) e naturalmente nel mitico Yosemite National Park, ringraziato anche nei titoli della pellicola, del quale scorgiamo numerosi angoli caratteristici, quali El Capitan e Half Dome (enormi monoliti granitici), e le cascate Yosemite Falls.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema