11-11-11

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
11-11-11
Titolo originale 11-11-11
Paese di produzione USA
Anno 2011
Durata 90 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2,35 : 1
Genere orrore, thriller
Regia Darren Lynn Bousman
Sceneggiatura Darren Lynn Bousman
Produttore Richard Heller, Valeria Marini, Christian Molina, Ferran Monje, Wayne Allan Rice
Produttore esecutivo Shaked Berenson, Laura Bousman, Mariví de Villanueva, Russell Hollander
Fotografia Joseph White
Montaggio Martin Hunter
Musiche Joseph Bishara
Scenografia Mani Martínez
Costumi Toni Martín
Interpreti e personaggi

11-11-11 è un film del 2011 scritto e diretto da Darren Lynn Bousman. È ambientato durante le 11:11 dell'11 novembre 2011.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

« Non esiste alcun Essere Divino, nessun Artefice del destino. Di certo nessuna Divinità sarebbe capace di portare tanto dolore e tristezza. Dio è morto. Oppure non è mai esistito. »
(Joseph)

Sarah si risveglia dalle urla improvvise del figlio. Va nel corridoio e vede il bambino, David, intrappolato tra le fiamme. Cerca di salvarlo, ma anche lei muore soffocata dalle fiamme; mentre dietro di loro risiede una statua di un demone/angelo.

7/11/11: Joseph Crone si risveglia da un terribile incubo, dove appunto Sarah e David (sua moglie e suo figlio) muoiono. Tuttavia, i due sono realmente morti. Dal fatidico gioco, Joseph, scrittore di successo grazie al suo ultimo libro, è entrato in crisi. Il suo agente letterario cerca di risollevargli il morale, dicendo che deve uscire di casa. Ma l’uomo esce dal suo nido soltanto per andare al cimitero, in palestra, per il gruppo di sostegno o per lasciarsi andare alla dissolutezza della città.

8/11/11: Joseph si trova alla riunione del gruppo di sostegno, dove una giovane donna, Sadie, parla del dolore che ha provato quando l'uomo che ha amato è morto. Sadie si avvicina poi a Joseph e lo incita a parlare apertamente con i membri del gruppo per potersi sfogare. L'uomo rifiuta, ma la ragazza gli dà un libriccino. Dopo essersi salutati, Joseph fa un incidente; dove fortunatamente ne esce indenne. Svenuto per via dell'incidente, lo scrittore ha un sogno dove Sarah e David lo chiamano. Dietro di loro risiede la statua di un demone/angelo. In ospedale, il medico gli dice che è molto fortunato a differenza del guidatore della macchina che l'ha travolto. Joseph, nonostante ciò, sente una presenza, che la forma di un mostro con le corna. che si manifesta, per un tempo assai breve, per poi scomparire misteriosamente. Sadie si offre di riaccompagnare a casa lo scrittore, ma mentre esce dall'ospedale, un'anziana gli intima di "non rispondere alla chiamata". Ritornato a casa, Joseph riceve una chiamata dal fratello Samuel, che gli rivela della morte imminente del padre.

9/11/11 (Barcellona, Spagna): Joseph arriva a Barcellona, dove abitano il padre, Richard e il fratello, Samuel. Arrivati nella loro grande villa, lo scrittore fa amicizia con Anna, una domestica che si prende cura di Richard. La domestica ammette di essere molto cattolica e anche il padre di Joseph e Samuel lo sono, per questo spesso i tre sono in disaccordo, causando spesso dei litigi che compromettono la pace nel nucleo familiare. Dentro la villa ci sono tantissime statue di angeli/demoni, comprate dalla madre di Joseph quand'era ancora in vita. Samuel rivela al fratello che la chiesa per il quale lavorava è stata chiusa e gli regala una penna, come portafortuna. Richard si comporta in maniera molto strana: quando si trova da solo con Joseph sembra perdere la ragione, arrivando a dire cose senza senso, tra cui il consiglio di "non rispondere alla chiamata". Samuel, sotto consiglio di Anna, mostra al fratello un video della sorveglianza dove appaiono delle presenze misteriose, secondo Anna sono dei demoni; quest'ultima, inoltre, ha un diario segreto dove ci sono tantissimi riti cristiani. Le presenza appaiono alle 11:11 e Joseph ricorda che è lo stesso orario della morte di David. Sadie, che ha preso il numero di Joseph all'ospedale, lo chiama e il ragazzo le racconta della coincidenza. Lo scrittore incomincia a fare delle ricerche, secondo il quale 11:11 rappresenta una porta di transizione. Mentre fa le ricerche Joseph viene osservato da una misteriosa presenza. Sentendo dei rumori, setaccia la casa, trovando la sagoma di David salire le scale con la sedia a rotelle di Samuel; sparendo qualche secondo dopo. Trova poi Samuel, che viene strangolato dal nulla. Il fratello lo salva. Quest'ultimo riceve poi un messaggio da Sadie, inviato alle 11:11. Guarda poi le registrazioni e nota che allo stesso orario appaiono numerose presenze.

10/11/11: Joseph, costretta da Anna, si reca alla messa presieduta da Samuel. Samuel parla dell'importanza del sacrificio, facendo l'esempio di Adamo e Isacco (Genesi – Verso 22). Mentre l'uomo parla rassicurando i suoi fedeli che tutti sono peccatori, incluso egli stesso, un uomo, Javier Cavello, guarda qualcosa di indistinto tra i rami, che soltanto lui e Joseph riescono a vedere. Javier nota che anche Joseph è in grado di vedere, ed è quindi un Undici (persone che notano questo collegamento e hanno la capacità di vedere le presenze misteriose). Finita la messa, Javier caccia via una pistola, pronto per uccidere Samuel, credendosi "Il Salvatore". Joseph riesce a fermarlo e causa la fuga dell'Undici. Samuel dice al fratello che è molto confuso e che da molto tempo ha perso la vita del bene. Lo scrittore, trovando la macchina fotografica persa dall'uomo, decide di sviluppare le foto, ma il commesso gli dice che le foto saranno pronte soltanto il giorno dopo. Fa poi visita alla moglie di Javier, che confessa a Joseph l'interesse per i libri occulti da parte del marito. L'uomo va così in biblioteca e, grazie al bibliotecario, riesce ad ottenere i libri letti da Javier e a capire varie cose: le presenze oscure abitano tra due mondi e sono visibili solo a determinate persone che hanno ricordato la data dell'11:11 per una ragione. Inoltre, l'11:11, queste presenze saranno più potente che mai e faranno scorrere sangue innocente per dare il via all'apocalisse. Tornato a casa, Richard confessa al figlio che dopo la sua nascita il dottore aveva detto alla moglie che non avrebbe più avuto bambini, per via di preoccupazioni. Di conseguenza, la nascita di Samuel è stata un miracolo. Quindi, Samuel è "Il profeta", un miracolo di Dio ed è proprio lui che le presenze vogliono uccidere.

11/11/11: È arrivato il giorno tanto atteso. Sadie arriva a Barcellona e conosce Samuel. Successivamente, Joseph le spiega dell'Undici. Javier pedina i due ragazzi e cerca di uccidere lo scrittore, senza riuscirci. Tornato a casa, i due scoprono che Richard è morto alle 11:11. Dopo aver scritto gli ultimi appunti sul suo diario personale, Joseph si reca a casa di Javier, ma non trovandolo, setaccia il suo studio, dove trova molte foto e rituali satanisti. Javier gli appare all'improvviso e dopo avergli chiesto dove fosse la sua macchina fotografica, gli spara. Risvegliandosi di sera, Joseph chiama Sadie e le ordina di prendere le foto da un negozio. Arrivato a casa, scopre che il fratello ha ucciso Javier per autodifesa e decide di andarsene via con Samuel, ma il ragazzo gli dice di prendere i suoi libri, perché sono molto importanti. Joseph fa come ordinato, ma i demoni entrano nella casa e rapiscono Samuel, pronti a compiere l'omicidio. Joseph si infrappone tra Samuel e i demoni, venendo colpito al posto del fratello. I demoni scompaiono, ma Samuel rivela una verità del tutto inaspettata: lui non è affatto un il Profeta, anzi, è un demone. Ha usato Joseph, facendogli scrivere appunti sulla sua conversione per creare una nuova religione. "I demoni" che hanno aggredito Samuel in realtà sono angeli e hanno cercato di avvertire Joseph dell'identità del fratello, arrivando addirittura a far apparire David e Sarah. Javier stava dalla parte del bene, mentre Sadie è un'alleata di Samuel.

Tempo dopo, Samuel diventa il nuovo "Profeta" e crea la sua religione. In chiesa appaiono anche Adam, l'agente di Joseph – ormai morto dal colpo dell'angelo – e Sadie. Si apre una nuova era, dove la chiesa è guidata dal diavolo.  

Ricorrenza del numero 11[modifica | modifica wikitesto]

Il numero 11 appare molto volte nel corso della pellicola, tra cui:

  • La morte di David e Sarah è avvenuto alle ore 11:11.
  • L'incidente di Joseph è avvenuto alle ore 11:11.
  • La morte della madre di Joseph è avvenuta alle 11:11.
  • L'aggressione di Samuel è avvenuta alle 11:11.
  • Samuel nomina il Verso 22 della Genesi (11:11)
  • Il messaggio di Saddie è avvenuto alle 11:11.
  • La morte di Richard è avvenuta alle 11:11.
  • Nel film, le persone che notano i collegamenti del undici, vengono detti gli Undici.
  • Le registrazioni delle videocamere segnano le 11:11.
  • Il registro dei clienti della bottega segna l'11:11.
  • Sul diario di Joseph sta scritto 11:11.
  • Quando Joseph parla con Sadie al telefono due colonne formano l'11:11.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Il film ha avuto un discreto successo negli Stati Uniti, al contrario della Russia e del Brasile, dove la pellicola ha avuto molto successo.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema