109 (centro commerciale)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 35°39′34.36″N 139°41′55.44″E / 35.659544°N 139.698733°E35.659544; 139.698733

Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
109
Shibuya 109 cropped.jpg
Facciata del centro commerciale 109 Shibuya.
Ubicazione
Stato Giappone Giappone
Località Tokyo
Informazioni
Condizioni In uso
Inaugurazione 1979
Uso Centro commerciale
Realizzazione
Architetto Minoru Takeyama
Proprietario Tōkyū Group
 

109 ( Ichi-maru-kyū?) è un centro commerciale situato a Shibuya, quartiere speciale di Tōkyō, in Giappone. È gestito dalla società Tōkyū Malls Development (TMD), una filiale controllata dalla Tōkyū Group.

Storia e descrizione[1][2][modifica | modifica wikitesto]

L'edificio, che si trova proprio di fronte alla stazione di Shibuya e nei pressi della statua del cane Hachikō,[3] fu inaugurato nell'aprile 1979, ideato dall'architetto Minoru Takeyama. La Tōkyū Group, gestore del complesso, concepì l'edificio come una Fashion Community, con all'interno una serie di piccoli negozi al dettaglio destinati a un target di donne sui trent'anni. L'idea della Tōkyū Group era quella di creare concorrenza ai Seibu Department Stores che in quel periodo si stavano facendo strada nell'area di Shibuya.

Il nome dell'edificio, 109, ha origine da un gioco di parole, il cosiddetto goroawase (語呂合わせ?), cioè la sostituzione delle cifre con delle parole per ricordare, ad esempio, date o numeri di telefono, ed è stato ottenuto utilizzando i caratteri (che significa 10) e kyū (9), formando la parola Tōkyū. L'interno del palazzo è stato progettato per essere in grado di far spostare i clienti da un piano all'altro grazie agli ascensori presenti nei vari negozi. Originariamente era previsto che l'ultimo piano svolgesse la funzione di cinema, ma i vigili del fuoco non avrebbero concesso l'approvazione a causa dei percorsi di emergenza e di evacuazione non conformi alle norme di sicurezza. Anche se in origine i negozi erano destinati a donne sulla trentina, l'edificio in seguito divenne più conosciuto come una mecca per le giovani donne dalla sottocultura gyaru.

Altre sedi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Decades as Tokyo's tower of girl power in The Japan Times. URL consultato il 27 ottobre 2012.
  2. ^ (EN) Shibuya 109 eyes rebound in The Japan Times. URL consultato il 27 ottobre 2012.
  3. ^ Shibuya 109: il centro commerciale più famoso di Tokyo, italiajapan.net. URL consultato l'8 luglio 2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Giappone Portale Giappone: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Giappone