1-esadecanolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
1-esadecanolo
formula di struttura
Cetyl-alcohol-3D-vdW.png
Nomi alternativi
alcol cetilico

alcol palmitilico

Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare CH3(CH2)15OH
Massa molecolare (u) 242,45 g/mol
Aspetto solido incolore
Numero CAS [36653-82-4]
PubChem 2682
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.) 0,82 (50 °C)
Solubilità in acqua (20 °C) insolubile
Temperatura di fusione 46 °C (319 K)
Temperatura di ebollizione 355 °C (~628 K)
Indicazioni di sicurezza
Flash point 155 °C (~428 K) (o.c.)
Temperatura di autoignizione 235 °C (~508 K)
Frasi H ---
Consigli P ---[1]

L'1-esadecanolo (o alcol cetilico) è un alcol.

A temperatura ambiente si presenta come un solido ceroso da incolore a bianco e inodore.

Il nome "cetilico" deriva dal latino cetus, a sua volta proveniente dal greco κῆτος (ketos), termine che identifica un essere vivente di dimensioni enormi, dato che il composto venne ottenuto per la prima volta dal grasso di balena[2].

Storia[modifica | modifica sorgente]

L'alcol cetilico fu scoperto nel 1817 dal chimico francese Michel Chevreul, che lo ottenne per riscaldamento dello spermaceti (una sostanza cerosa ottenuta dall'olio dei capodogli) con idrossido di potassio[3].

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Con la cessazione della caccia alle balene l'alcol cetilico non è più ottenuto dal grasso dei cetacei; viene prodotto per sintesi chimica o per estrazione da grassi vegetali quali l'olio di palma e l'olio di cocco. A questa fonte vegetale si deve anche il nome alternativo di alcol palmitilico.

Utilizzi[modifica | modifica sorgente]

L'alcol cetilico trova uso nell'industria cosmetica come emolliente, emulsionante o addensante nella produzione di creme e lozioni[4]. Può anche trovare impiego come lubrificante per dadi e bulloni.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ scheda dell'1-esadecanolo su IFA-GESTIS
  2. ^ Thomas Nordegren, The A-Z Encyclopedia of Alcohol and Drug Abuse, Universal Publishers, 2002, p. 165. ISBN 158112404X.
  3. ^ James Curtis Booth, The Encyclopedia of Chemistry, Practical and Theoretical, 1862, p. 429. ISBN =.
  4. ^ Susan C Smolinske, Handbook of Food, Drug, and Cosmetic Excipients, CRC Press, 1992, pp. 75–76. ISBN 084933585X.
chimica Portale Chimica: Il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia