...e l'uomo creò Satana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
...e l'uomo creò Satana
Inherit the wind trailer (1) Spencer Tracy Fredric March.jpg
Da sinistra: Spencer Tracy, Harry Morgan e Fredric March
Titolo originale Inherit the Wind
Paese di produzione USA
Anno 1960
Durata 128 min
Colore B/N
Audio sonoro
Genere drammatico
Regia Stanley Kramer
Soggetto Jerome Lawrence e Robert E. Lee
Sceneggiatura Nedrick Young e Harold Jacob Smith
Casa di produzione United Artists
Distribuzione (Italia) Dear
Fotografia Ernest Laszlo
Montaggio Frederic Knudtson
Musiche Ernest Gold
Scenografia Rudolph Sternad
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Premi

...e l'uomo creò Satana (Inherit the Wind) è un film del 1960 diretto da Stanley Kramer e basato sull'omonima opera teatrale.

Trama[modifica | modifica sorgente]

America, 1925. Una nazione da un lato protesa verso un futuro di scienza e modernismo e dall'altro ancorata al proprio humus puritano o, più in generale, religioso. Si rifà ad un fatto realmente accaduto a Dayton, Tennessee, il cosiddetto "Monkey Trial", in cui un insegnante di biologia, John Scopes (il prof. Cates nel film), viene accusato dalla comunità cristiana di sostenere tesi darwiniane ed insegnarle agli allievi. Incriminato per corruzione di giovani (come Socrate) esplode il casus di cui prontamente si appropriano i media.

Critica[modifica | modifica sorgente]

Attraverso il genere giudiziario, Stanley Kramer mette in scena un tema ancora attuale e scottante: il contrasto tra scienza e fede.

Il conflitto tutto americano tra creazionismo ed evoluzionismo viene incarnato nel film rispettivamente dall'avvocato dell'accusa e dall'avvocato difensore. Si tratta di uno dei film meno noti di Kramer che per l'occasione riesuma per la trama del suo film un vecchio testo teatrale a sua volta esperito da una storia vera, conducendolo con serietà e rigore e commistionando sapientemente gli ingredienti cinematografici.

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Il film è stato presentato in concorso al Festival di Berlino, dove Fredric March ha vinto l'Orso d'argento per il miglior attore.

Ha ricevuto quattro nomination ai Premi Oscar 1961 e due ai Golden Globe 1961.

Nel 1960 il National Board of Review of Motion Pictures l'ha inserito nella lista dei migliori dieci film dell'anno.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema