(29075) 1950 DA

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
1950 DA
((29075) 1950 DA)
L'asteroide 1950 DA in un'immagine radar del marzo 2001.L'asteroide 1950 DA in un'immagine radar del marzo 2001.
Scoperta 22 febbraio 1950
Scopritore Carl Wirtanen
Classificazione NEA
Famiglia Apollo
Classe spettrale E/M
Designazioni
alternative
2000 YK66
Parametri orbitali
(all'epoca K1014)
Semiasse maggiore 254 169 173 km
1,6989918 UA
Perielio 125 205 102 km
0,8369325 UA
Afelio 383 133 245 km
2,5610511 UA
Periodo orbitale 808,88 giorni
(2,21 anni)
Velocità orbitale

21,30 km/s (media)

Inclinazione
sull'eclittica
12,18158°
Eccentricità 0,5073946
Longitudine del
nodo ascendente
356,77619°
Argom. del perielio 224,52306°
Anomalia media 339,12076°
Dati fisici
Dimensioni 1,1×1,1×1,4 km
Massa
2,0 × 1012 kg
Densità media 3 × 103 kg/m³
Acceleraz. di gravità in superficie  ? m/s²
Velocità di fuga  ? m/s
Periodo di rotazione 0,0884 giorni (2,1216 h)
Temperatura
superficiale
? K (media)
? K (max)
Albedo 0,2-0,25
Dati osservativi
Magnitudine ass. 17,0

(29075) 1950 DA è un asteroide near-Earth della famiglia Apollo. È famoso per essere tra gli asteroidi quello con il valore più alto, nella scala Palermo, di probabilità di impatto con la Terra. Per pochi giorni nel dicembre 2004 venne temporaneamente superato da 99942 Apophis (all'epoca chiamato con la sigla provvisoria 2004 MN4).

Scoperta e riscoperta[modifica | modifica sorgente]

La prima osservazione di 1950 DA avvenne il 22 febbraio 1950 ad opera di Carl Alvar Wirtanen all'osservatorio Lick. Venne seguito per 17 giorni e poi se ne persero le tracce.

Il 31 dicembre 2000 venne individuato un oggetto cui fu assegnato il nome provvisorio 2000 YK66. Lo studio dell'orbita con il metodo della precovery permise di associare questo ritrovamento a 1950 DA e di determinare con elevata precisione i parametri orbitali così da poter ricevere un numero di classificazione e assumere la denominazione attuale.

Osservazioni[modifica | modifica sorgente]

Tra il 3 e il 7 marzo 2001 1950 DA è transitato a 7,8 milioni di km permettendone lo studio radar dagli osservatori di Goldstone e Arecibo.

Le dimensioni sono state stimate essere poco superiori al chilometro, il periodo di rotazione in poco più di due ore. La breve durata della rotazione e l'elevata albedo radar fa ritenere che 1950 DA sia molto denso, più di 3 g/cm³).[1]

Possibilità d'impatto[modifica | modifica sorgente]

L'orbita di 1950 DA lo porterà ad un incontro molto ravvicinato con la Terra il 16 marzo 2880, tanto che esso da solo assomma al 50% delle possibilità di impatto di tutti gli altri corpi da oggi ad allora.

Le osservazioni radar non hanno permesso di chiarire il contributo dell'effetto Yarkovsky sulla sua orbita. I dati osservativi indicano due possibili direzioni polari[2]; in un caso l'asteroide transiterebbe a qualche milione di chilometri, mentre nell'altro si avrebbe una probabilità di impatto dello 0,33%.

L'energia che sarebbe rilasciata nell'impatto con un oggetto delle dimensioni di 1950 DA determinerebbe significativi cambiamenti nel clima e nella biosfera costituendo una minaccia per la civiltà poiché sarebbe l'equivalente della forza combinata di un milione di bombe atomiche, ovvero l'energia necessaria per radere al suolo in pochi secondi un'area delle dimensioni della Francia e generare un cratere ampio 40 chilometri e profondo 3000 metri

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ 1950DA Planning on the NASA website (last accessed on October 7, 2007).
  2. ^ Asteroid 1950 DA

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]


Asteroidi del sistema solare L'asteroide 951 Gaspra
Gruppi principali NEAFascia principaleTroianiCentauriTNO (Fascia di Kuiper) • Pianeti nani
Vedi anche Asteroidi principaliLista completaFamiglie asteroidaliClassi spettrali
Stub astronomia.png Questo box:     vedi · disc. · mod.
sistema solare Portale Sistema solare: accedi alle voci di Wikipedia sugli oggetti del Sistema solare