'Abd Manaf ibn Qusayy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

ʿAbd Manāf ibn Quṣayy (in arabo: عبد مناف بن قصي, nato intorno al 430) era un coreiscita di Mecca, trisavolo per lato paterno di Maometto.

Figlio di Quṣayy ibn Kilāb, il vero costitutore della tribù, sposò ʿĀtika bint Murra al-Salīmiyya (dei B. Salīm) e da lei ebbe sei figli, di cui quattro maschi - ʿAbd Shams b. ʿAbd Manāf, Nawfal, Hāshim b. ʿAbd Manāf e Muṭṭalib b. ʿAbd Manāf[1] - e due femmine: Ḥāla e Barra.

Muṭṭalib, che era più giovane di Hāshim, gli succedette alla guida del clan.

La tomba di ʿAbd Manāf viene indicata nel cimitero del Janna al-Muʿalla, a Mecca (attuale Arabia Saudita).

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dynastie de Mahomet

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (AR) ʿAbd Allāh al-Musʿab b. ʿAbd Allāh b. al-Musʿab al-Zubayrī, Kitāb nasab al-Quraysh (Libro sulle genealogie dei Quraysh), ed. a cura di E. Lévi-Provençal, Il Cairo, Dār al-maʿārif, 1982.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]