ε-polilisina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
ε-polilisina
formula di struttura dell'idrocloruro di ε-poli-L-lisina
Nome IUPAC
Poli[imino[(2''S'')-2-amino-1-osso-1,6-esanediil]]
Nomi alternativi
ε-poli-L-lisina
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare (C6H12N2O)n
Massa molecolare (u) variabile
Aspetto polvere o solido bianco tendende al giallo (monoidrato)
Numero CAS [28211-04-3]
Proprietà chimico-fisiche
Solubilità in acqua solubile
Temperatura di fusione 172.8 °C (445,8 K)
Indicazioni di sicurezza
Frasi H ---
Consigli P --- [1]

La ε-polilisina è un piccolo omo-polipeptide dell'amminoacido essenziale lisina prodotto da fermentazione batterica. L'epsilon (ε) incluso nel nome indica il sito di legame delle molecole di lisina, che a differenza dei normali peptidi legati tramite il gruppo in posizione α, gli amminoacidi sono qui legati tramite il gruppo amminico in ε e il gruppo carbossilico per mezzo di legame ammidico.

Struttura e funzioni chimiche[modifica | modifica wikitesto]

La ε-polilisina è un omo-polipeptide di approssimativamente 25 ~ 30 residui L-lisinici[2]. La polilisina appartiene al gruppo dei tensioattivi cationici. In acqua la polilisina contiene gruppi amminoacidici carichi positivi. Come altri composti tensioattivi ha la capacità di inibire la crescita microbiotica. La ε-polilisina è assorbita elettrostaticamente sulla superficie batterica che causa lo smembramento della membrana esterna. Questo può portare ad un anomale distribuzione del citoplasma causando danni cellulari.[3]

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

La produzione di polilisina per naturale fermentazione è presente in ceppi di Streptomyces. Il ceppo Streptomyces albulus è il più frequente in letteratura e per la produzione commerciale ε-polilisina.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sigma Aldrich; rev. del 10.07.2012, riferita al cloridrato
  2. ^ Shima, S. and Sakai H., Polylysine produced by Streptomyces in Agricultural and Biological Chemistry, vol. 41, 1977, pp. 1807-1809.
  3. ^ Shima, S. et al., Antimicrobial action of ε-poly-L-lysine in Journal of Antibiotics, vol. 37, 1984, pp. 1449 - 1455.
  4. ^ Chisso website: Industrial producer of polylysine
Chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia