Šuppiluliuma I

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – "Šuppiluliuma" rimanda qui. Se stai cercando l'ultimo re ittita, vedi Šuppiluliuma II.

Šuppiluliuma I[1] (approssimativamente 1358 a.C.1321 a.C.) è stato re degli ittiti.

Succedette al padre Tudhaliya III sul trono del regno ittita (paese di Hatti), eliminando l'erede designato (Tuthaliya III il Giovane), probabilmente nel 1343 a.C. e morì indicativamente nel 1321 a.C. (le datazioni per la storia del vicino oriente antico sono sempre datazioni di massima, dato che a causa delle difficoltà di seriazione assoluta, esistono a tutt'oggi diverse istanze cronologiche in diverse scuole).

Egli viene considerato il primo sovrano dell'epoca imperiale propriamente detta. Proseguì la politica paterna di consolidamento e allargamento dei confini in direzione dei territori dei Kaska e dei paesi di Isuwa e Tegaramma. Fu in seguito protagonista delle due guerre contro Mitanni, la prima delle quali, condotta contro il re hurrita Tushratta, portò anche probabilmente alla conquista dei paesi siriani di Ugarit e Amurru, fino ad allora vassalli del faraone egiziano. La seconda campagna mittanica fu invece quella che vide la conquista ittita di Karkemish, importante città sull'Eufrate settentrionale, e la collocazione di Shattiwaza, genero dell’imperatore, sul trono della capitale urrita Waššukanni.

I rapporti di Šuppiluliuma I con l'Egitto furono frequenti e di varia natura: con un viceré egiziano l'imperatore si scontrò nel corso delle campagne siriane, ma esistono testimonianze di una corrispondenza epistolare attiva con la corte faraonica. Un aneddoto degno di nota è l'affare della dahamunzu, vedova del faraone alla quale Suppiluliuma inviò in sposo il figlio Zannanza: all’arrivo in Egitto, a quanto pare, il giovane principe venne ucciso. Che questo episodio sia o meno realmente accaduto, nell'ultima parte del regno di Šuppiluliuma ebbe inizio quel conflitto contro l'Egitto che giungerà sino alla battaglia di Kadesh (1275 a.C. tra Muwatalli II e Ramses II) e al successivo trattato di pace (1259 a.C.) stipulato tra lo stesso Ramses II e Hattusili III).

Le fonti principali riguardanti questo sovrano sono il suo trattato con Shattiwaza (versione akkadica: KBo 1.3; KUB 3.17 - versione ittita HT 21 + KUB 8.80 + 219/w + KUB 23.50) e i testi delle cosiddette res gestae, redatti però dal figlio Mursili II (i rimandi sono numerosissimi, si riportano i principali: KBo 5.6; KBo 14.9; KUB 31.7; KBo 14.10; KBo 14.11; KBo 14.12; KUB 34.25).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Altra trascrizione possibile: Shuppiluliuma.
Predecessore Re ittiti Successore
Tudhaliya III 1358-1321 a.C. Arnuwanda II