İbrahim Kaypakkaya

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« ... il nostro dirigente e guida, Ibrahim Kaypakkaya, ci ha insegnato a gettarci con tutto quel che abbiamo nel mare della lotta di classe. »
(Un combattente dello sciopero della fame a vita del TKP/ML)

İbrahim Kaypakkaya (194918 maggio 1973) è stato un politico turco, primo segretario e fondatore del Partito Comunista della Turchia/marxista-leninista. Fu un rivoluzionario marxista.

Quando scoppiò la crisi sino-sovietica, Kaypakkaya criticò il partito comunista locale filo-sovietico e premette per fondare un partito che seguisse gli insegnamenti di Mao Tse-tung e difendesse la memoria e il pensiero di Stalin contro gli attacchi del revisionismo moderno. Nel fuoco della Rivoluzione culturale cinese, Kaypakkaya ed altri maoisti turchi fondarono il Partito Comunista della Turchia/marxista-leninista.

İbrahim Kaypakkaya dedicò parte della sua produzione letteraria comunista alla questione nazionale dei curdi.

İbrahim Kaypakkaya venne arrestato dalle autorità turche e lungamente torturato, fino alla morte avvenuta nel maggio 1973, a soli 24 anni. Il suo corpo, fatto a pezzi, venne restituito al padre perché potesse essere sepolto.[senza fonte]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]