Ümit Davala

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ümit Davala
Ümit Davala.JPG
Dati biografici
Nazionalità Turchia Turchia
Altezza 186 cm
Peso 74 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Carriera
Squadre di club1
1989-1990 VfR Mannheim VfR Mannheim
1990-1992 Flag of None.svg ASV Feudenheim
1992-1994 Flag of None.svg Türkspor Mannheim
1994-1995 Flag of None.svg Afyonspor 11 (3)
1995-1995 Istanbulspor İstanbulspor 22 (6)
1996 Diyarbakirspor Diyarbakırspor 18 (3)
1996-2001 Galatasaray Galatasaray 125 (15)
2001-2002 Milan Milan 10 (0)
2002 Inter Inter 0 (0)
2002-2003 Galatasaray Galatasaray 23 (1)
2003-2004 Werder Brema Werder Brema 22 (0)
2004-2006 Werder Brema Werder Brema 11 (0)
Nazionale
1994-1995
1996-2004
Turchia Turchia U-21
Turchia Turchia
6 (2)
41 (4)
Carriera da allenatore
2007-2008 Turchia Turchia U-21
2008 Galatasaray Galatasaray Vice
2011- Galatasaray Galatasaray Vice
Palmarès
Coppa mondiale.svg Mondiali di calcio
Bronzo Corea del Sud-Giappone 2002
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 10 dicembre 2006

Ümit Davala (Mannheim, 30 luglio 1973) è un allenatore di calcio ed ex calciatore turco, di ruolo terzino, vice allenatore del Galatasaray.

Ha quasi sempre indossato la maglia numero 22.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Ümit Davala ha giocato con VfR Mannheim, ASV Feudenheim, Türkspor Mannheim in Germania, Afyonspor, İstanbulspor e Diyarbakırspor in Turchia prima di approdare al Galatasaray nel 1996 con cui ha vinto 4 campionati turchi consecutivi. Nella stagione 1999-2000 ha aiutato la squadra a conquistare la Coppa di Turchia segnando 2 gol nella competizione tra cui il primo della finale vinta contro l'Antalyaspor.[1] Nello stesso anno ha vinto la Coppa UEFA battendo in finale l'Arsenal e la Supercoppa europea contro il Real Madrid.

Nel settembre del 2001 Ümit si è stasferito al Milan seguendo il suo allenatore al Galatasaray Fatih Terim, che era stato assunto dai rossoneri. Ma a novembre Terim è stato licenziato e sostituito da Carlo Ancelotti e Ümit ha perso il posto da titolare.

Nell'estate del 2002 è stato scambiato con l'Inter per Dario Šimić ed è stato immediatamente girato in prestito al Galatasaray.

Nel luglio 2003 Ümit è passato in prestito al Werder Brema, con cui ha vinto la Bundesliga e la Coppa di Germania. Così nel luglio 2004 il trasferimento è diventato definitivo, ma alcuni infortuni ne hanno limitato le presenze. Un infortunio all'anca riportato nell'ottobre del 2005 si è rivelato troppo difficile da superare e dopo la pausa invernale della stagione 2005-2006 ha rescisso il contratto col la società e si è ritirato dal calcio professionistico.[2]

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Ümit Davala ha fatto parte della Nazionale turca cha ha partecipato al campionato d'Europa 2000 e al campionato del mondo 2002, dove la Turchia è arrivata terza.

Dopo il ritiro[modifica | modifica sorgente]

Dopo essersi ritirato dal calcio professionistico, ha giocato a calcio a 5 ed è diventato capitano della Nazionale turca al Campionato europeo di futsal del 2007.[3]

Dal 2007 al 2008 è stato commissario tecnico della Nazionale Under-21 della Turchia e successivamente è entrato a far parte dello staff tecnico del Galatasaray come vice allenatore di Michael Skibbe tra giugno e ottobre del 2008 e poi di Fatih Terim dal 2011.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Competizioni nazionali[modifica | modifica sorgente]

Galatasaray: 1996-1997, 1997-1998, 1998-1999, 1999-2000
Galatasaray: 1998-1999, 1999-2000
Werder Brema: 2003-2004
Werder Brema: 2003-2004

Competizioni internazionali[modifica | modifica sorgente]

Galatasaray: 1999-2000
Galatasaray: 2000

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Medıcal Park Antalyaspor-Galatasaray A.Ş. 3-5, tff.org. URL consultato il 17 ottobre 2012.
  2. ^ Daniele Mazzari, Umit Davala appende le scarpe al chiodo, tuttomercatoweb.com, 8 marzo 2006. URL consultato il 17 ottobre 2012.
  3. ^ (EN) Türker Tozar, Ümit excited by EURO challenge, uefa.com, 15 gennaio 2007. URL consultato il 17 ottobre 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]