Étienne de Rouen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Étienne de Rouen, noto come Stephanus Beccensis o Stephanus Rothomagensis, rispettivamente Étienne de Bec ed Étienne de Rouen (... – 1169 circa), è stato un monaco, storico e poeta normanno, attivo presso l'abbazia di Notre-Dame du Bec[1].

È noto per il suo poema arturiano Draco Normannicus, che funge anche da cronaca per il periodo che va dall'XI secolo al 1169 e riporta notizie su Dudo di Saint-Quentin e Guglielmo di Jumièges[2]. Dal punto di vista poetico si crede che sia stato influenzato dall'Ilias di Simon Chèvre d'Or[3].

Oltre al Draco scrisse svariati componimenti poetici editi da Howlett a margine del Draco stesso[4] ed anche un resoconto di Quintiliano[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Medieval Peoples Imagined, p. 12
  2. ^ ORB: The Online Reference Book for Medieval Studies.
  3. ^ L'Ilias de Simon Chèvre d'Or
  4. ^ Chronicles of the reigns of Stephen I, Henry II, Richard I.
  5. ^ Rhetoric and Poetry in the Renaissance

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 89009916 · LCCN: no97066911