Étienne Pasquier

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Étienne Pasquier

Étienne Pasquier, in latino Stephanus Paschasii (Parigi, 7 giugno 1529Parigi, 1º settembre 1615), è stato uno scrittore, giurista e storico francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fu accanico sostenitore del gallicanesimo e della assoluta autonomia della cultura francese. La sua fama è dovuta ad alcune sue rilevanti opere quali Ricerche sulla Francia del 1621 (postumo) e 22 libri di Lettere del 1607, che sono quasi un diario degli avvenimenti dell'epoca. Pasquier è conosciuto anche per alcune sue opere politiche come l'Anti-Martire del 1590, contro chi aveva visto un martire ed un santo nell'assassino di Enrico III e L'Autorità regale del 1615 scritto in difesa dei diritti politici del re e un dialogo amoroso dal titolo Il monofilo del 1554.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN61560863 · LCCN: (ENn50050635 · ISNI: (EN0000 0001 0907 010X · GND: (DE118789813
biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie