Émile Friant

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Émile-Friant
Autoritratto

Émile Friant (Dieuze, 16 aprile 1863Parigi, 9 giugno 1932) è stato un pittore francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Studente presso l'École des Beaux-Arts di Nancy, si trasferisce a Parigi dove frequenta l’atelier di Alexandre Cabanel.

Le sue opere ispirate alla vita quotidiana e condotte con attento naturalismo riscuotono grande successo, facendogli conseguire nel 1883 il Grand Prix de Rome e nel 1889 la medaglia d’oro in occasione dell’Esposizione universale di Parigi.

Partecipa al rinnovamento delle arti decorative avviato dall'École di Nancy del cui comitato è membro dal 1901 e dal 1906 insegna all'École Nationale des Beaux-Arts di Parigi.

Nel 1923 diviene professore di pittura presso l'École des Beaux-Arts.

È insignito della Legion d'Onore e eletto membro dell'Institut de France.[1]

Muore improvvisamente nel 1932.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Un étudiant, 1885, Musée des beaux-arts di Nancy - (Uno studente)
  • La Toussaint, 1886, Musée des beaux-arts de Nancy - (Ognissanti)
  • La Douleur, 1898, Musée des beaux-arts de Nancy - (Il dolore)
  • Les Amoureux, Musée des beaux-arts di Nancy - (Gli innamorati)
  • La Discussion politique, collezione privata - (La discussione politica)
  • La Lutte , 1889, Museo Fabre, Montpellier - (La lotta)
  • L'Expiation, 1909, collezione privata - (L'espiazione)
  • Portrait de madame Coquelin Mère, collezione privata - (Ritratto di Madame Coquelin Madre)
  • Tendresse maternelle, collezione privata - (Tenerezza materna)
  • Portrait de Madame Petitjean, collezione privata - (Ritratto di Madame Petitjean)
  • Portait d'Auguste Daum, collezione privata - (Ritratto di Auguste Daum)
  • La Visite au studio, 1906, collezione privata - (La visita allo studio)
  • Autoportrait, collezione privata - (Autoritratto)
  • Portrait d'Albert Jasson, 1911, Musée des beaux-arts de Nancy - (Ritratto di Albert Jasson)
  • Faunesse. - (Femmina di Fauno)
  • Due pannelli per il grande salone del municipio di Nancy.

Galleria[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ McIntosh 1997, p. 6

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Laura Casone, Émile Friant, catalogo online Artgate della Fondazione Cariplo, 2010, CC-BY-SA (fonte per la biografia).
  • Charles de Meixmoron de Dombasle, E.Friant, extrait des mémoires de l'Académie de Stanislas (1895), Stamperia Berger-Levrault, Nancy, 1896
  • Arsène Alexandre, Emile Friant et son oeuvre, Edizione Etablissements Braun et Cie, Mulhouse-Dornach, circa 1930 (Ripresa da Georges Thomas nel 1946)
  • Collettivo degli amici di Emile Friant, Emile Friant 1863-1932, Les discours sur la tombe d'Emile Friant, Stampato grazie a una sottoscrizione, 1933
  • Claude Petry e Christine Peltre, Emile Friant, regard sur l'homme et l'oeuvre, catalogo della mostra del 1988 al "Musée des Beaux-Arts" di Nancy, Stamperia Rubrecht, Nancy, 1988
  • Philippe Claudel, Au revoir Monsieur Friant.
  • Henri Claude, Friant, prefazione di Philippe Claudel, edizione Serge Domini, Metz, 2005
  • Marine Kisiel, Emile Friant graveur, à travers le fonds d'estampes du Musée des Beaux-Arts de Nancy, in: Rivista "Péristyles" n°35, giugno 2010
  • Marine Kisiel, La gravure, un pan méconnu de l'oeuvre d'Emile Friant, in: Rivista "Nouvelles de l'Estampe" n°235, 2011

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]


Controllo di autorità VIAF: 49437357 LCCN: no2006085570