Émile Boirac

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Émile Boirac (Guelma, 26 agosto 1851Digione, 20 settembre 1917) è stato uno psicologo, filosofo ed esperantista francese.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nel 1898 diventò presidente dell'Università di Grenoble, e nel 1902 dell'Università di Digione.

Ha presieduto il primo Congresso Universale di Esperanto (tenutosi a Boulogne-sur-Mer, in Francia, dal 7 al 12 agosto 1905) e ha diretto l'Accademia dell'esperanto.

È anche noto soprattutto per aver coniato il termine déjà vu nel suo libro L'Avenir des Sciences Psychiques, dove chiamò la chiaroveggenza con il termine metagnomia dandone questa descrizione: conoscenza ottenuta fuori dai sensi, nota comunemente come percezione extrasensoriale.

Scritti[modifica | modifica sorgente]

  • Traduzione all'esperanto della Monadologia di Leibniz (1902)
  • Ŝlosileto kvarlingva (1903)
  • Perdita kaj retrovita (1905)
  • Qu'est-ce que l'espéranto? (1906)
  • Le Congrès espérantiste de Genève (1906)
  • Pri la homa radiado (1906)
  • Traduzione all'esperanto del Don Giovanni di Molière (1909)
  • Traduzione all'esperanto de The Other Wise Man di Henry van Dyke (1909)
  • Plena Vortaro E-E-a (1909)
  • Le problème de la langue internationale (1911)
  • Vortaro de la Oficialaj Radikoj (1911)
  • Fundamentaj principoj de la vortaro esperanta (1911)
  • L'Avenir des Sciences Psychiques (1917)

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 49357737 LCCN: nr91039162

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie