Émigré

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Émigré è un termine francese utilizzato per designare una persona emigrata dal suo Paese, sebbene abbia connotazioni specificatamente politiche e si riferisca ad un esilio volontario, non determinato da fattori strettamente economici.

Ugonotti[modifica | modifica sorgente]

Il termine venne impiegato la prima volta per definire i protestanti francesi (Ugonotti), costretti a lasciare la Francia a seguito della revoca dell'Editto di Nantes.

Rivoluzione francese[modifica | modifica sorgente]

Un'altra ondata di émigré si ebbe con la Rivoluzione francese, quando re Luigi XVI spinse numerosi membri della sua corte ad espatriare nel timore di ritorsioni da parte dei repubblicani. Il primo gruppo di émigré comprendeva il conte d'Artois, il fratello minore del re, e la duchessa di Polignac, amica intima della regina. Contemporaneamente al tentativo non riuscito del re di emigrare si ebbe l'espatrio dell'altro fratello di questi, il conte di Provenza.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

(FR)

  • Elphège Boursin, Augustin Challamel, Dictionnaire de la Révolution française, Paris, Jouvet et Cie, 1893, pp.78, 227-9.
  • Ghislain de Diesbach, Histoire de l'émigration, 1789-1814, Perrin, 1984 ; 1998
  • Roger Dupuy, La Noblesse entre l’exil et la mort, Rennes, Éditions Ouest-France, 1989
  • Henri Fourneron, Histoire générale des émigrés pendant la Révolution française, Paris, Plon, 1884
  • Jean Pinasseau, L'Émigration militaire : campagne de 1792, Paris, Picard, 1971
  • Jean Tulard, La Contre-Révolution, origines, histoire, postérité, Perrin, 1990
  • Jean Tulard, Histoire et dictionnaire de la Révolution française, Robert Laffont, 1998
  • Ministère des Affaires étrangères, Direction des archives, Les Français à l'étranger et la Révolution, Nantes, 1989

Manifesto[modifica | modifica sorgente]

Marx ed Engels, enunciando le strategie da seguire nelle rivoluzioni future nel loro Manifesto, considerarono la possibilità di confiscare i beni degli émigré per impiegarli per finanziare la rivoluzione (una strategia attuata dai bolscevichi settant'anni dopo).

Rivoluzione d'Ottobre[modifica | modifica sorgente]

La Rivoluzione d'Ottobre determinò la migrazione di oltre ventimila russi in Finlandia, in seguito spostatisi in buona parte in Francia, con Parigi come destinazione principale.