Élie Reclus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Élie Reclus

Élie Reclus all'anagrafe Jean-Pierre Michel Reclus (Sainte-Foy-la-Grande, 16 giugno 1827Bruxelles, 11 febbraio 1904) è stato un giornalista, etnologo e anarchico francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Suo padre, pastore protestante, lo avviò agli studi di teologia, che egli però interruppe per seguire le idee socialiste. Entrò nella politica militante rivoluzionaria e dovette rifugiarsi a Londra, dopo il colpo di Stato del 2 dicembre 1851 di Napoleone III contro la Repubblica.

Pubblicò sui giornali e sulle riviste articoli scientifici e politici che gli fornirono un discreto guadagno e rimase a Londra fino alla proclamazione della repubblica francese.

La Comune di Parigi del 1871 che impedì ad Adolphe Thiers (1797-1877) di restaurare il vecchio regime, ebbe Elia Reclus fra i suoi combattenti, lo nominò direttore della Biblioteca nazionale ed egli, in quel periodo di terrore, riuscì a conservare intatto il patrimonio letterario e scientifico della Francia.

Caduta la Comune, si rifugiò a Zurigo col fratello Elisée e con Gustave Courbet (1819-1877), poi ci fu l'amnistia a favore dei comunardi l'11 luglio 1880 ed Elia tornò a Parigi.

Non si piegò mai alle esigenze delle case editrici che avrebbero voluto imporgli delle modificazioni al suo pensiero scientifico e rivoluzionario, così molte sue opere sono rimaste inedite.

Dette comunque il suo aiuto al fratello Elisée nella compilazione della Geografia Universale e suo fratello Paul , chirurgo, fece pubblicare i due primi volumi Les primitifs, études d'ethnologie comparée.

Insegnò etnografia all'Università di Bruxelles e lasciò molti scritti, fra cui La Commune de Paris au jour le jour, 1871, 19 mars - 28 mai ed anche sulle origini delle religioni: Les croyances populaires et autres pages retrouvées - Les croyances populaires, leçons sur l'histoire des religions professées à l'Université nouvelle de Bruxelles. Fece anche uno studio sulla storia del pane, dal giorno in cui ne cominciò l'uso fino alla sua epoca.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • F. Ferretti, Intellettuali anarchici nell'Europa del secondo Ottocento: i fratelli Reclus (1862-1872), « Società e Storia », 127 (2010), pp. 63-93.
  • P.M. Kergentsev. La Comune di Parigi. Roma, Edizioni Rinascita, 1951.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]