Éléonore d'Esmier d'Olbreuse

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Éléonore Desmier d'Olbreuse
Éléonore Desmier d'Olbreuse in un dipinto del 1680 circa
Éléonore Desmier d'Olbreuse in un dipinto del 1680 circa
Duchessa consorte di Brunswick-Lüneburg
In carica 1676 –
28 agosto 1705
Predecessore Sofia Dorotea di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg
Successore Titolo vacante
In seguito detenuto da
Carolina di Brandeburgo-Ansbach
Nascita Niort, 3 gennaio 1639
Morte Castello di Celle, 5 febbraio 1722
Sepoltura Stadtkirche St. Marien , Celle
Dinastia Olbreuse
Padre Alexandre d'Esmier d'Olbreuse
Madre Jacquette Poussard du Bas-Vandré et de Saint-Marc
Consorte di Giorgio Guglielmo di Brunswick-Lüneburg
Figli Sofia Dorotea di Celle

Éléonore Desmier d' Olbreuse (Niort, 3 gennaio 1639Castello di Celle, 5 febbraio 1722) fu la moglie di Giorgio Guglielmo, duca di Brunswick-Lüneburg, e nonna di Giorgio II di Gran Bretagna; fu inoltre la bisnonna di Federico il Grande. Fu Contessa di Wilhelmsburg dal 1674 e Duchessa di Brunswick-Lüneburg dal 1676. Il suo nome è un'eredità delle sue antiche origini dell'Europa Orientale, e significa «vera e perpetua bellezza».

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Éléonore d'Esmier d'Olbreuse nacque nel castello d'Olbreuse nelle Deux-Sèvres, vicino a Niort, in Francia, in una famiglia ugonotta della bassa nobiltà. I genitori erano Alexandre d'Esmier d'Olbreuse e Jacquette Poussard du Bas-Vandré et de Saint-Marc. Essa si recò alla corte reale a Parigi come dama di compagnia al servizio di Marie de La Tour d'Auvergne, duchessa di Thouars, il cui figlio, nel 1648, aveva sposato Emilia d'Assia-Kassel, figlia a sua volta di Guglielmo V d'Assia-Kassel.

Nell'inverno del 1664 Éléonore accompagnò la Duchessa di Thouars a visitare il figlio a Kassel; qui la bella Éléonore incontrò lo scapolo Giorgio Guglielmo, duca di Brunswick-Lüneburg, che immediatamente se ne innamorò.

Essa divenne quindi la sua amante e ricevette il titolo di Signora di Harburg. Nel 1666 nacque Sofia Dorotea, la loro unica figlia; nel 1674 la bambina venne legittimizzata ed Éléonore venne creata Duchessa di Wilhelmsburg. Due anni più tardi la coppia poté finalmente sposarsi; il loro fu un matrimonio felice.

Nel 1682 Sofia Dorotea, per ragioni dinastiche, sposò il cugino Giorgio Luigi, figlio di Ernesto Augusto, elettore di Hannover, fratello di suo padre Giorgio Guglielmo. Il matrimonio si rivelò un disastro: Sofia venne infine imprigionata dal marito nel castello di Ahlden per il resto della sua vita. Durante gli ultimi anni della sua vita, Éléonore si prese cura della figlia e cercò di ottenerne il rilascio, senza successo.

Éléonore d'Esmier d'Olbreuse morì il 5 febbraio 1722, quasi cieca, nel castello di Celle; menzionò 342 persone nel suo testamento. Essa è sepolta nella Stadtkirche St. Marien a Celle.

Antenati[modifica | modifica sorgente]

Éléonore Marie d'Esmier d'Olbreuse Padre:
Alexandre d'Esmier, signore d'Olbreuse
Nonno paterno:
Alexandre d'Esmier, signore d'Olbreuse
Bisnonno paterno:
Louis d'Esmier d'Olbreuse
Trisnonno paterno:
François d'Esmier, signore d'Olbreuse
Trisnonna paterna:
Hélène Dorin de Ligné
Bisnonna paterna:
Jeanne de Mathefelon
Trisnonno paterno:
Jacques de Mathefelon, signore d'Orfeuille
Trisnonna paterna:
Luce du Courret
Nonna paterna:
Marie Baudoin du Peux
Bisnonno paterno:
Mathieu Baudoin, signore du Peux


Bisnonna paterna:
Jacquette Tarquois


Madre:
Jacquette Poussard du Bas-Vandré et de Saint-Marc
Nonno materno:
Joachim Poussard, signore du Bas-Vandré
Bisnonno materno:
Jean Poussard, signore de Bas-Vandré et de Saint-Marc
Trisnonno materno:
René Poussard, signore du Bas-Vandré et de Saint-Mar
Trisnonna materna:
Jacqueline de Barbezières
Bisnonna materna:
Anne de La Jaille
Trisnonno materno:
Simon II de La Jaille
Trisnonna materna:
Simone de Mauléon
Nonna materna:
Suzanne Gaillard de Saint-Dizant
Bisnonno materno:
Lancelot Gaillard de Saint-Dizant


Bisnonna materna:
Jacquette de L'Isle


Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Duchessa consorte di Brunswick-Lüneburg Successore
Sofia Dorotea di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg 16761705
Detenuto assieme a:
Benedetta Enrichetta del Palatinato
Sofia del Palatinato
Titolo vacante
In seguito detenuto da
Carolina di Brandeburgo-Ansbach

Controllo di autorità VIAF: 40183055 LCCN: n2007057983